Federer lotta e vince: lunedì sarà Italia contro i Big Three

Seconda settimana raggiunta, agli ottavi sfiderà Berrettini

Foto Ray Giubilo

Che lotta per Roger Federer! Lo svizzero doma con enorme fatica la resistenza di un buon Dominik Koepfer e passa con il punteggio di 7-6 6-7 7-6 7-5, al termine di 3 ore e 39 minuti di pura battaglia. Per l’attuale numero 8 del mondo, lunedì ci sarà un difficilissimo ottavo di finale contro Matteo Berrettini, ma, più in generale, ci sarà lo scontro tra il nuovo movimento del tennis italiano e i Big Three: Djokovic-Musetti, Nadal-Sinner, Federer-Berrettini. Sarà un interessantissimo scontro generazionale, in cui l’età media di differenza in campo sarà di 15 anni, ma soprattutto sarà un enorme test per mettere alla prova sia i tre grandi del tennis, sia i nostri tre talentuosissimi ragazzi.

Federer parte bene e in maniera pimpante, ma subito deve fare conti con una partita sporca, di lotta, ricca di stecche ed errori, complice la condizione fisica non ottimale. Saranno ben 63 alla fine gli errori dello svizzero, a fronte di 51 vincenti, mentre il tedesco riuscirà a segnare un saldo di +15. Peccato che non basti questa statistica a determinare il vincitore di un match e, a far la differenza, è stata proprio l’esperienza dell’ex numero 1, il quale è riuscito, nei momenti decisivi, a trovare quel minimo di brillantezza necessaria a scalfire le certezze di un Koepfer che, con il rovescio, stava facendo scintille. Un altro dato che racconta benissimo l’equilibrio visto oggi sul Philippe-Chatrier è quello del numeri di punti vinti, in cui Federer conduce appena per 160 a 159.

Il primo set è ricco di palle break, ma ogni turno di risposta si conclude con un nulla di fatto. Il vincitore dell’edizione 2009 spreca anche un set point nel decimo gioco, dunque c’è bisogno del tiebreak per decretare il vincitore: qui sale in cattedra Roger che, in maniera piuttosto agevole, mette in cascina il primo parziale. Il vantaggio si rivela anche psicologico, dal momento che l’elvetico, sale subito 2-0. È qui, però, che cambia la musica: il numero 59 del mondo recupera subito lo svantaggio, aggancia l’avversario sul 2-2, ma si fa togliere nuovamente la battuta. Niente panico, però: stavolta il controbreak arriva addirittura nel game successivo. Ancora una volta, allora, serve un tiebreak per decidere la frazione e, al contrario di quanto accaduto nel primo set, Federer sbaglia tantissimo, mentre Koepfer è più preciso e, cinicamente, si riporta in parità.

Dopo 2 ore, servono almeno altri due set per chiudere la partita. Questo, forse, scoraggia Federer, il quale gioca un pessimo inizio parziale e si ritrova, in un baleno, sotto 2-4. Il campione svizzero è bravissimo però a reagire e, infilando una serie di 12 punti a 2, rimette tutto in discussione, trascina il tedesco al tiebreak e si prende un importantissimo, per il suo fisico, vantaggio di due set a uno. Come sempre capitato, il giocatore che ha appena vinto un set è anche il primo a scappare nel punteggio. Roger, infatti, si procura un break nel terzo game e gli è, in seguito, complice un gestaccio di Koepfer, che sputa sul segno lasciato dal colpo dello svizzero e subisce il penalty point: la situazione sembra perfetta per la testa di serie numero 8, che, dopo il cambio campo, si trova a servire avanti di un set, un break e già 15-0. Neanche questo basta per spezzare l’equilibro: il tedesco reagisce immediatamente e si riporta in parità. Da quel momento in poi, non si vedrà più nemmeno l’ombra di una palla break fino all’undicesimo gioco, in cui si assiste allo strappo definitivo del campione. Roger sa che, in caso di quinto set, avrebbe poche chance, perciò decide di accelerare le operazioni, prendendo subito la via della rete: la tattica paga, il break arriva puntuale e, di conseguenza, anche il match. Federer vince 7-6 6-7 7-5 7-6 e raggiunge Matteo Berrettini agli ottavi di finale.

Di seguito un riepilogo di tutti i match di giornata

Lorenzo Musetti b. Marco Cecchinato 3-6 6-4 6-3 3-6 6-3

Diego Schwrtzman (10) b. Philipp Kohlschreiber 6-4 6-2 6-1

Jan-Lennard Struff b. Carlos Alcaraz 6-4 7-6 6-2

Jannik Sinner (18) b. Mikael Ymer 6-1 7-5 6-3

Novak Djokovic (1) b. Ricardas Berankis 6-1 6-4 6-1

Rafael Nadal (3) b. Cameron Norrie 6-3 6-3 6-3

Matteo Berrettini (9) b. Soonwoo Kwon 7-6 6-3 6-4

Roger Federer (8) b. Dominik Koepfer 7-6 6-7 7-6 7-5

© RIPRODUZIONE RISERVATA