ATP Sofia, prima finale nel circuito per Sinner: battuto in due set Mannarino

ATP Sofia, prima finale nel circuito per Sinner: battuto in due set Mannarino

Ad un anno dalla finale vinta al Challenger di Ortisei, l'altoatesino giocherà a Sofia il primo match titolato nel circuito maggiore

US Open, via libera agli undici che hanno avuto contatti con Paire

US Open, via libera agli undici che hanno avuto contatti con Paire

Richard Gasquet, Grégoire Barrere, Edouard Roger-Vasselin, Adrian Mannarino e gli altri giocatori che negli ultimi giorni sono stati a contatto con Benoit Paire, potranno prendere parte agli US Open 2020

Gasquet: "Uno scandalo assoluto quello che sta accadendo a Palermo"

Gasquet: "Uno scandalo assoluto quello che sta accadendo a Palermo"

Il francese non ci sta e va giù pesante contro l'organizzazione del Wta di Palermo: "L'hotel dovrebbe essere riservato alle giocatrici e ai loro allenatori".

UTS: Berrettini in finale, battuto Gasquet

UTS: Berrettini in finale, battuto Gasquet

L'azzurro ha la meglio al sudden death, alle 22 la finale

Gasquet contro il calendario Atp: "Una follia, tornei troppo ravvicinati"

Gasquet contro il calendario Atp: "Una follia, tornei troppo ravvicinati"

Il francese mette sul banco i vari punti interrogativi: "Non puoi giocare a Roma se vuoi vincere il Roland Garros".

Tsonga punta su Bruguera per tornare grande

Tsonga punta su Bruguera per tornare grande

Scivolato al numero 259 ATP a causa dell'infortunio al ginocchio che l'ha tenuto per mesi fuori dal Tour, Jo-Wilfried Tsonga non molla e rilancia: dal 2019 insieme a Thierry Ascione ci sarà anche Sergi Bruguera. L'ex campione del Roland Garros si dividerà fra la nazionale spagnola di Coppa Davis e il suo nuovo assistito, chiamato a una difficile rinascita.

Gasquet KO: quante tegole per la Francia!

Gasquet KO: quante tegole per la Francia!

Nonostante nove top-100 ATP, la Francia potrebbe avere qualche difficoltà a mettere insieme il team per la finale di Lille. Il forfait di Richard Gasquet (pubalgia?) rischia di rendere obbligate le scelte di Yannick Noah, con tanto di reinserimento di Tsonga. A meno che non decida di ripescare qualche escluso dalle pre-convocazioni. Intanto, a Londra, Mahut...

Kei per tornare a vincere, Daniil per consacrarsi

Kei per tornare a vincere, Daniil per consacrarsi

Affascinante epilogo al torneo di Tokyo: Kei Nishikori può mettere fine, proprio in casa, a un digiuno che va avanti da due anni e mezzo. Daniil Medvedev vuole confermare le sensazioni che lo vedono sempre più vicino ai top-player: in semifinale non ha lasciato spazio a Denis Shapovalov.

A Bastad la Gloria è (e suona) tutta per Fognini

A Bastad la Gloria è (e suona) tutta per Fognini

Fabio Fognini diventa il quinto italiano a vincere lo Swedish Open di Bastad, superando in finale Richard Gasquet. Sulle note di "Gloria" di Umberto Tozzi l'azzurro riceve il trofeo da Toni Nadal e scalza Paolo Bertolucci dal ruolo di secondo italiano più vincente nell'Era Open. Davanti a Fabio resta solo Panatta: un motivo in più per applaudire la carriera del ligure.

Garanzia Fognini: una nuova finale è servita

Garanzia Fognini: una nuova finale è servita

Pur senza brillare in nessuna delle tre partite giocate, Fabio Fognini si è guadagnato la finale a Bastad, lottando e mettendoci la giusta attenzione nei momenti importanti. Nel complesso è un buon segnale: quando il suo tennis funzionerà a dovere potrà fare ancora meglio. Domenica andrà a caccia del settimo titolo ATP, contro Gasquet.

Gasquet vince a 's-Hertogenbosch e fa... 15-15

Gasquet vince a 's-Hertogenbosch e fa... 15-15

Quindicesimo titolo in trenta finali ATP per Richard Gasquet. Battendo Jeremy Chardy in una finale tutta francese, il 32enne di Beziers torna tra i top-25 e si conferma a suo agio sull'erba. Cancella due setpoint nel secondo set, poi gestisce meglio i momenti caldi del tie-break. Interrotta una striscia di nove vittorie di Chardy.

Nadal-Gasquet, una rivalità rimasta al 1999

Nadal-Gasquet, una rivalità rimasta al 1999

A parte il remoto successo a Le Petits As di Tarbes, il francese non è mai stato in grado di superare Rafael Nadal. Tra i due c'è troppa compatibilità tecnica a favore dello spagnolo, che a Parigi lo batte per la 16esima volta di fila. Si concede anche qualche piccola distrazione, che però non mette in dubbio l'esito finale.

Seppi senza vie d'uscita: brutto KO con Gasquet

Seppi senza vie d'uscita: brutto KO con Gasquet

Sul campo Suzanne Lenglen, l'azzurro vive una delle sue peggiori giornate: raccoglie quattro game contro un ottimo Gasquet e saluta il Roland Garros. Il suo tennis mette in palla il francese, ma ha commesso troppi errori. Spiace il punteggio severo, ma Andreas è esperto a sufficienza per non subire il contraccolpo.

La bella giornata dell’Italia del futuro

La bella giornata dell’Italia del futuro

L'ATP ungherese regala un'ottima testimonianza di come dovrebbe essere il futuro prossimo del nostro tennis, che finalmente porta dei volti nuovi anche nel circuito maggiore. Uno splendido Sonego batte in due set Gasquet e conquista il suo primo quarto di finale nel Tour. Ai quarti anche Marco Cecchinato, mentre Berrettini mastica amaro.

Il Piccolo Mozart smarrisce ancora l'ultima sinfonia

Il Piccolo Mozart smarrisce ancora l'ultima sinfonia

Arriva contro Alexander Zverev l'ennesima sconfitta “gloriosa” di Richard Gasquet. È lui a giocare bene, a tirare i colpi più belli, ma sciupa troppo e vince il tedesco. La mancanza di autostima gli impedisce di fare quel salto di qualità che il braccio gli consentirebbe. Ma Gasquet, ormai, è questo.

Edmund, l’inglese che adora la terra rossa

Edmund, l’inglese che adora la terra rossa

Sembra una sorpresa, invece è una conferma: la prima finale ATP di Kyle Edmund arriva da Marrakech, dove il 22enne inglese nativo di Johannesburg fa fuori in poche ore prima Jaziri e poi Gasquet, ribadendo il suo grande feeling con la terra battuta. Ci ha giocato per la prima volta solo a 14 anni, ma è stato amore a prima vista. Dodici mesi fa Nadal disse che può diventare un top-player...

Annullare MP e poi vincere il torneo: specialità Pouille

Annullare MP e poi vincere il torneo: specialità Pouille

Per la terza volta su cinque titoli, Lucas Pouille annulla almeno un matchpoint nel percorso verso la vittoria. È successo anche a Montpellier, dove ha approfittato del ritiro di Tsonga e poi ha tenuto a bada Gasquet in finale, esprimendo un ottimo rendimento al servizio. Salirà al numero 16 ATP: archiviata la delusione australiana.

Dominio francese, sorprese bulgare

Dominio francese, sorprese bulgare

Finale casalinga a Montpellier: l'impresa migliore l'ha firmata Gasquet, che batte Goffin e centra la sesta finale consecutiva al torneo francese. In finale troverà “fortunello” Pouille. Grandi sorprese a Sofia: si giocheranno il titolo Mirza Basic e Marius Copil. Per entrambi sarà la prima finale nel circuito ATP.

A Roger Federer basta il compitino

A Roger Federer basta il compitino

Bastava guardare il 16-2 nei confronti diretti, o gli ultimi 17 set vinti di fila, per capire come sarebbe finito il duello fra Federer e Gasquet: lo svizzero allunga a 20 la striscia di set e conquista senza patemi la seconda settimana. Il tabellone sembra volerlo aiutare: giocherà contro Martonn Fucsovics e nei quarti ha eviterà sia Goffin sia Del Potro. Il suo vero torneo può iniziare dalla semifinale.

Gasquet sveglia Sonego, ma Lorenzo tornerà

Gasquet sveglia Sonego, ma Lorenzo tornerà

Termina contro Richard Gasquet la favola australiana di Lorenzo Sonego: il 22enne torinese non trova lo smalto dei giorni scorsi, e un'ottima versione del francese ha vita facile per tre set. Un match che servirà all'azzurro come esperienza, e anche per tenere i piedi per terra e ripartire con umiltà dai tornei minori. È lì che deve costruirsi un ranking degno del Tour: un passaggio molto complicato.

Al fresco della sera, Federer non corre rischi

Al fresco della sera, Federer non corre rischi

Altra vittoria in tre set per Roger Federer, che la spunta per 6-4 6-4 7-6 sul potente tedesco Jan-Lennard Struff. Lo svizzero abbassa un tantino la guardia nel terzo set e finisce sotto di un break, ma lo recupera subito e nel tie-break evita qualsiasi rischio. A separarlo dalla seconda settimana ci sarà Richard Gasquet, contro il quale ha vinto gli ultimi 17 set. Eppure, "RF" dice di aspettarsi un match delicato...

Perdeva 6-0 6-0 a Borgaro. Oggi sfida Gasquet

Perdeva 6-0 6-0 a Borgaro. Oggi sfida Gasquet

Da ragazzino, Lorenzo Sonego era “uno dei tanti”. Gli è capitato di incassare brutte sconfitte, come un 6-0 6-0 da Matteo Marangoni in una gara a squadre Under 16. “Ma non finiva sempre così, anzi - ricorda Marangoni - gli exploit di Lorenzo mi hanno fatto venire voglia di provarci”. Una storia che ci insegna come essere forte da junior non conti davvero nulla.

Tsitsipas, il (bel) greco che non si è perduto

Tsitsipas, il (bel) greco che non si è perduto

Il torneo ATP di Doha sta lanciando la stella di Stefanos Tsitsipas: a differenza di illustri predecessori, rappresenta orgogliosamente la Grecia. Ha superato a Mayer e Gasquet, intascando vittorie vere, importanti. Il bello di questo ragazzo è che ha obiettivi ben precisi e idee chiare sul come raggiungerli.

Il trionfo di un sistema che funziona

Il trionfo di un sistema che funziona

Non era mai capitato nella storia della Coppa Davis che una nazione conquistasse l’Insalatiera schierando otto giocatori diversi. È la vittoria di un movimento che al momento non ha top player, ma sforna grandi giocatori a ripetizione. Per il secondo anno di fila la Davis si vince senza top-10: prima che ci riuscisse l’Argentina, non succedeva dal 1996!

Noah, il rischio ha pagato. Due volte?

Noah, il rischio ha pagato. Due volte?

Il doppio della finale di Coppa Davis è della Francia: malgrado la scelta di capitan Noah di rinunciare alla coppia Herbert/Mahut, il primo trova una buona intesa anche con un ottimo Richard Gasquet. Superati in quattro set De Loore e Bemelmans. Qualche rischio l'hanno corso, ma Noah ci aveva visto giusto.