Redazione - 11 marzo 2019

STORIE ITALIANE SU… TENNIS ITALIANO

Sono italiani i protagonisti del nuovo numero di Tennis Italiano: la cover story è dedicata a Matteo Berrettini, intervistato a Marsiglia da Federico Ferrero. Poi, la straordinaria storia di Makiwa e quella dell’istruttore da un milione di follower, Edoardo Santonocito. E ancora, l’intervista del Direktor con una delle giovani speranze azzurre, Giulio Zeppieri, mentre per il nuovo fenomeno, Jannik Sinner ci siamo rivolti a chi lo ha scoperto: coach Massimo Sartori

È un numero molto italiano, con tante storie diverse del nostro tennis. La cover story è dedicata a Matteo Berrettini, intervistato nella Players’ lounge del torneo di Marsiglia da Federico Ferrero, insieme a coach Vincenzo Santopadre (che sarà ancor più protagonista in uno dei prossimi numeri). Abbiamo così scoperto non solo un ottimo giocatore ma anche un ragazzo dalla personalità molto spiccata. Lo stesso Ferrero è andato anche in un piccolo club di Genova dove ha incontrato Edoardo Santonocito, istruttore di secondo grado da un milione di follower su Instagram. Il nostro Direktor ha invece intervistato una delle nostre migliori promesse, Giulio Zeppieri, insieme a coach Piero Melaranci, mentre per il nuovo fenomeno azzurro, Jannik Sinner, ci siamo affidati alle parole di coach Massimo Sartori che lo ha scoperto in un club dell’Alto Adige e lo ha portato nella Fabbrica dei campioni, il Piatti Tennis Center di Bordighera.



Ma non è finita qui: vi sono interventi sui segreti del successo di Novak Djokovic, una riflessione sull’agonismo tra i giovani, la nostra Wish List con il test della nuova Luxilon Smart, i consigli di preparatori atletici e nutrizionisti, quelli (ironici) di un libro storico in cui un fantomatico Sigmund Freud spiega il Tennis come sublimazione del sesso.

Immancabile il racconto di Corrado Erba sul mondo dei Quarta Categoria, le immagini top del mese, la rubrica Che fine hanno fatto? dedicata Claudio Panatta e, purtroppo, un fatto di cronaca nera, con un maestro finito all’ospedale per una palla dubbia in un torneo under 13…

And last but not least, un servizio a cui il Direktor teneva molto: Makiwa!



Buona lettura!

© RIPRODUZIONE RISERVATA