AUSTRALIAN OPEN, DAY 8: IL DRAMMA DI CARRENO E IL CROLLO DI ZVEREV. CHI AVREBBE SCOMMESSO UN COPECO SU POUILLE?

AUSTRALIAN OPEN, DAY 8: IL DRAMMA DI CARRENO E IL CROLLO DI ZVEREV. CHI AVREBBE SCOMMESSO UN COPECO SU POUILLE?

Una giornata intensa con la prestazione imbarazzante di Sascha Zverev, il coraggio di Serena e un autentico dramma sportivo che si è consumato nel match tra Kei Nishikori e Pablo Carreno Busta

Le vacanze (di lusso) dei top players

Le vacanze (di lusso) dei top players

Anche per i top players è stato tempo di vacanze, al termine di una lunga stagione: ecco le immagini più belle postate nei loro profili Instagram: da Genie Bouchard a Sascha Zverev (con nuova fidanzata), da Caroline Wozniacki a Fognini& Pennetta e Mladenovic&Thiem. vacanze al top per i top players

Sascha è in linea con i Fab Four (per adesso...)

Sascha è in linea con i Fab Four (per adesso...)

Un'interessante studio statistico rivela che Alexander Zverev ha numeri non troppo diversi rispetto a quelli di Federer, Nadal, Djokovic e Murray quando avevano la sua età. Il record di precocità spetta a Nadal, mentre Federer ha effettuato il salto di qualità più tardi di tutti. I dati di Zverev assomigliano a quelli di Djokovic, ma deve crescere negli Slam.

Il tennis ha trovato un nuovo wunderkind

Il tennis ha trovato un nuovo wunderkind

Ancora in età da “Next Gen”, Alexander Zverev ha già vinto il Masters. È il coronamento di una crescita rapida e costante, iniziata quando seguiva le orme del fratello Mischa e intratteneva due adolescenti: Novak Djokovic ed Andy Murray. Oggi, più che mai, è il principale indiziato a raccogliere l'eredità dei Big Three.

Sascha inizia a sentire l'Effetto Lendl

Sascha inizia a sentire l'Effetto Lendl

L'attenta analisi del match del girone, perso nettamente contro Djokovic, è stata la chiave che ha permesso ad Alexander Zverev di ribaltare l'esito in finale. Le indicazioni più importanti sono arrivate da Ivan Lendl, maestro nell'alternare bastone e carota con i suoi allievi. Zverev nutre istintiva riconoscenza per i suoi genitori, ma l'influenza di Ivan sembra evidente.

Sascha Zverev brucia i tempi: è Maestro a 21 anni

Sascha Zverev brucia i tempi: è Maestro a 21 anni

Una partita impeccabile, soprattutto sul piano della personalità, permette ad Alexander Zverev di interrompere la serie positiva di Djokovic: il tedesco è il più giovane vincitore del Masters dai tempi dello stesso Djokovic, e il primo tedesco dopo Boris Becker. Si è definitivamente consacrato tra i grandi: adesso manca solo il “botto” in uno Slam.

Zverev fa il suo dovere: adesso sfida Federer

Zverev fa il suo dovere: adesso sfida Federer

Il match contro John Isner nascondeva più di un'insidia per Alexander Zverev, la cui qualificazione era in bilico. Lo ha gestito con attenzione, annullando con un ace un pericoloso setpoint, salvo poi giocare meglio nei punti importanti: è il più giovane semifinalista al Masters dal 2009.

Sascha Zverev umilia la Davis targata Kosmos

Sascha Zverev umilia la Davis targata Kosmos

Il numero 5 ATP rifila un'altra batosta al nuovo format dell'Insalatiera: giocherà il primo turno, in Germania, con la vecchia formula. “Quello va bene, io sono contrario alla novità”. In un'intervista con il Berliner Zeitung ha parlato anche delle qualità di Lendl, degli Slam da addomesticare e del rapporto non sempre idilliaco con i giornalisti.

I duri allenamenti di Alexander Zverev

I duri allenamenti di Alexander Zverev

Mentre si trovava a Pechino, il tedesco si è allenato anche 4-5 ore al giorno: fatto insolito durante un torneo. Ha approfittato della presenza di Ivan Lendl, il cui supporto “itinerante” sarà molto limitato. Nella capitale cinese è andata male, ma poi a Shanghai ha giocato un ottimo torneo. “Mi sento un giocatore migliore”.

Neanche l'effetto Lendl sveglia Sascha dall'incubo

Neanche l'effetto Lendl sveglia Sascha dall'incubo

Ancora un fallimento per Alexander Zverev: il suo Us Open termina al terzo turno contro il connazionale Philipp Kohlschreiber. Messo in difficoltà tatticamente, non ha trovato le contromisure. “Ho iniziato un processo che mi porterà ad essere competitivo l'anno prossimo”.

Citi Open: il baby-torneo va a Sascha Zverev

Citi Open: il baby-torneo va a Sascha Zverev

Con quattro semifinalisti under 21, il Citi Open di Washington è stato il torneo più “giovane” degli ultimi 23 anni. Tra i baby rampanti si è imposto il più esperto: Alexander Zverev non ha avuto problemi contro Alex De Minaur, forse stanco dopo una dura semifinale. In Davis aveva resistito quattro ore, a Washington si è arreso 6-2 6-4.

Sascha Zverev, maratoneta per necessità

Sascha Zverev, maratoneta per necessità

Per il terzo match di fila, Alexander Zverev rimonta e vince in cinque set. Acciuffa i quarti al Roland Garros superando Karen Khachanov, afifdandosi a una notevole forza d'animo e all'aiuto del pubblico. A modo suo, riesce anche ad essere simpatico. Sicuramente, meritevole di stima.

Molleker si è messo sulle tracce di Zverev

Molleker si è messo sulle tracce di Zverev

A 17 anni e 7 mesi di età, Rudolf Molleker vince il suo primo ATP Challenger, alla terza partecipazione. Le similitudini con Zverev sono curiose: origini dell'est, primo titolo da minorenne, in un ricco torneo tedesco. E quell'aiuto di Boris Becker: “Mentalmente sono ancora immaturo, lui mi ha detto come fare per migliorare questo aspetto”.

La vendetta trasversale di Sascha Zverev

La vendetta trasversale di Sascha Zverev

A un mese dalla separazione con Juan Carlos Ferrero, il giovane tedesco sfodera una grande prestazione contro un giocatore che si allena proprio nell'accademia di Ferrero, con cui non si era lasciato troppo bene. Ha lottato nel primo set, poi ha messo in scena un bombardamento che gli ha regalato la prima finale del 2018.

Questo è lo Zverev che ci aspettiamo di vedere

Questo è lo Zverev che ci aspettiamo di vedere

Giocando la sua miglior partita stagionale, Alexander Zverev cancella in due set la resistenza di Nick Kyrgios. L'australiano aveva qualche problema alla schiena, ma lui ha mostrato l'autorità del top-player. In attesa di sbloccarsi negli Slam, sembra aver ritrovato la migliore versione di sé.

Becker: “Niente Zverev, resto con la DTB”

Becker: “Niente Zverev, resto con la DTB”

Boris Becker smentisce le speculazioni su una possibile collaborazione con il n. 1 tedesco. “Ho i miei impegni con la federazione tedesca e con Eurosport, mi trovo bene così”. Tuttavia seguirà Zverev nei prossimi tornei, a partire da Miami, nelle vesti di consulente. “Ascolteremo volentieri la voce di Boris” dice il manager.

Next Gen Finals: Zverev è il primo qualificato

Next Gen Finals: Zverev è il primo qualificato

Con tre mesi d'anticipo, il baby tedesco ha conquistato la matematica certezza di un posto al Masters Under 21. Tuttavia, ha ottime chance di qualificarsi anche per Londra (attualmente è terzo nella classifica stagionale): in quel caso, davvero andrebbe a Milano? Sarebbe conveniente per lui?

Sascha Zverev con il piglio del Fab Four

Sascha Zverev con il piglio del Fab Four

Concedendo le briciole ad Anderson, il tedesco intasca il quarto titolo stagionale a Washington. Come se non bastasse azzanna la quarta posizione nella Race to London. Di lui impressiona la capacità di non disunirsi nei momenti importanti. Inoltre, si è guadagnato la simpatia della gente con il bel discorso post-vittoria.