Qiang ringrazia le regole vola in finale

Qiang ringrazia le regole vola in finale

Il forfait di Madison Keys consente a Qiang Wang di giocare la semifinale contro Garbine Muguruza: regolamento discutibile, ma lei ne approfitta e domina la partita, garantendosi l'ingresso tra le top-20. In finale se la vedrà con Ashleigh Barty, che ha impedito il bis a Julia Goerges.

Goerges, la principessa di fine stagione

Goerges, la principessa di fine stagione

La tedesca aveva iniziato la stagione con un titolo: la chiude con un altro, il sesto in carriera, a Lussemburgo. Battuta in finale la rediviva Belinda Bencic in due set. Uscirà dalle top-10, ma il 2018 rimane la sua migliore stagione. A fine mese, cercherà di difendere il titolo al WTA Elite Trophy.

Il tennis del futuro fa rotta su Mosca

Il tennis del futuro fa rotta su Mosca

Dominio della linea verde nella prima edizione del WTA estivo di Mosca: due delle quattro semifinaliste sono addirittura classe 2001. Si tratta della serba Olga Danilovic, lucky loser e figlia del mitico cestista "Sasha", e della russa Anastasia Potapova, vincitrice due anni or sono del singolare juniores di Wimbledon. È in arrivo il primo titolo WTA di una millennial?

Dai Serena, ormai il record è a un passo

Dai Serena, ormai il record è a un passo

Una facile vittoria su Julia Goerges (simile a lei, ma molto meno forte) spinge Serena Williams alla 30esima finale Slam in carriera. Dovesse battere Angelique Kerber, eguaglierebbe il record di titoli di Margaret Court. In semifinale non ha quasi mai sofferto, al punto che nel finale il pubblico ha provato a incoraggiare la tedesca...

Angelique è tornata un muro, Serena è avvisata

Angelique è tornata un muro, Serena è avvisata

La restaurazione della Kerber è completata: dopo un 2017 da dimenticare la tedesca ha ritrovato le motivazioni, ha messo di nuovo il tennis al centro di tutto e ne sta raccogliendo i frutti. Sul Centre Court ha portato Jelena Ostapenko a scuola di tattica, conquistando la sua seconda finale a Wimbledon grazie a una difesa monstre. Contro Serena avrà una chance.

Julia Goerges e quella scena da libro Cuore

Julia Goerges e quella scena da libro Cuore

In 41 apparizioni Slam, Julia Goerges non aveva mai superato gli ottavi di finale. A Wimbledon, dove aveva colto i risultati peggiori, trova una clamorosa semifinale. Prima si scusa con Kiki Bertens per averla battuta, poi racconta l'origine delle sue fortune: la difficile scelta di cambiare vita e la necessità di avere tanta pazienza. Ci sono voluti tre anni, ma ha avuto ragione lei.

Le bellissime di Wimbledon

Le bellissime di Wimbledon

Ormai giunto alle semifinali, il torneo femminile ha dato spazio a diverse giocatrici particolarmente avvenenti. Ma chi è la più bella di Wimbledon 2018? Oltre alle "solite" Sharapova e Bouchard, hanno conquistato il cuore degli appassionati anche altre giocatrici. Vediamo di chi si tratta.

La bella rinascita di Kiki Bertens

La bella rinascita di Kiki Bertens

Lo scorso autunno, Kiki Bertens non era felice. Aveva pensato al ritiro, non aveva voglia di allenarsi. “Venivo da buoni risultati, ma non stavo bene”. Trovate le risposte alle domande più delicate, e con l'aiuto di un ottimo coach, è tornata ancora più forte. All'improvviso, ha “domato” l'erba e ora sogna la semifinale.

Donna vuole brillare di luce propria

Donna vuole brillare di luce propria

Da qualche anno, Donna Vekic è nota nell'ambiente per il fidanzamento con Stan Wawrinka: un'etichetta che le sta stretta, anche perché da giovane era considerata una possibile erede della Sharapova. Non è così, ma ha una bella occasione ai Championships. Nel frattempo, la sua Croazia sta facendo miracoli al Mondiale...

Da Stoccarda a Stoccarda, Julia è diventata grande

Da Stoccarda a Stoccarda, Julia è diventata grande

Nello stesso impianto dove sette anni fa vinse il suo primo titolo importante, Julia Goerges riveste l'inedito ruolo di n.1 tedesca nella semifinale contro la Repubblica Ceca. Da qualche mese, grazie a un nuovo team e a una nuova mentalità, ha cambiato passo. “Ho imparato a essere paziente”. La Francia cerca l'impresa contro gli Stati Uniti.

La nuova carriera della Bertens riparte... in Volvo

La nuova carriera della Bertens riparte... in Volvo

Domenica magica per Kiki Bertens: annulla un matchpoint a Madison Keys, poi domina Julia Goerges e si aggiudica il torneo di Charleston, il più importante della sua carriera. “Sento di poter giocare ancora meglio” dice l'olandese, che si è aggiudicata l'utilizzo biennale di un'autovettura messa a disposizione dal title sponsor.

Servizio e risposta (della Goerges) fan male alla Vinci

Servizio e risposta (della Goerges) fan male alla Vinci

Roberta Vinci gioca un ottimo primo set contro Julia Goerges, ma poi emerge l'enorme differenza fisica fra le due giocatrici. La tedesca raccoglie un sacco di punti con servizio e risposta e vede sempre più vicino l'ingresso fra le prime 10 del mondo. Per Roberta – premiata a fine match con un piatto celebrativo – una prova che dà fiducia in vista dei suoi ultimi tornei.

Robertina vuole divertire ancora un po'

Robertina vuole divertire ancora un po'

Torna a farsi vedere Roberta Vinci: al Premier di San Pietroburgo, dove due anni fa conquistò titolo e top-10, l'azzurra supera le qualificazioni e poi rifila un doppio 6-2 alla ceca Martincova, giocando un match perfetto. La carriera della tarantina è ormai agli sgoccioli, ma c'è ancora qualche occasione per mostrare il suo tennis meraviglioso. Che ci mancherà.

Julia non perde più: suo anche Auckland

Julia non perde più: suo anche Auckland

Julia Goerges riparte da dove aveva lasciato: il suo 2017 si era chiuso con i titoli (consecutivi) a Mosca e Zhuhai, e nella nuova stagione ha fatto subito centro, battendo la favorita Caroline Wozniacki in finale ad Auckland. A 29 anni la tedesca sta giocando il miglior tennis della sua carriera, ed è sempre più vicina alle prime 10. A Melbourne sarà una delle outsider più pericolose.

Sei anni dopo, è di nuovo Julia Goerges!

Sei anni dopo, è di nuovo Julia Goerges!

Splendido successo della tedesca: si aggiudica la Kremlin Cup dopo aver perso sei finali consecutive (tre nel 2017). In finale ha tenuto a bada Daria Kasatkina e si è sciolta in un pianto di gioia dopo il matchpoint. Tornerà tra le top-20 e si qualifica per il WTA Elite Trophy. Cinque anni dopo, la Kerber non sarà più la n.1 tedesca.

La nuova vita di Sloane Stephens

La nuova vita di Sloane Stephens

Ferma quasi un anno per un grave infortunio a un piede, Sloane Stephens è tornata prepotentemente tra le big. Riacchiappate le top-100 in pochi tornei, cancella anche la Barty e centra un posto negli ottavi. “Nel periodo di stop ho imparato ad apprezzare quello che faccio”. Adesso pesca Julia Goerges.

Poker casalingo per Irina-Camelia Begu

Poker casalingo per Irina-Camelia Begu

La rumena fa dimenticare l'assenza di Simona Halep agli organizzatori del BRD Bucharest Open, conquistando il quarto titolo in carriera. Aveva vinto solo sul cemento, ma ha sempre giocato bene anche sul rosso. La conferma arriva da un torneo perfetto: batte la Goerges in finale, chiude senza cedere un set e tornerà n.2 di Romania.

Petra fa subito sul serio, e i bookmakers…

Petra fa subito sul serio, e i bookmakers…

Sono bastati appena due tornei a Petra Kvitova per tornare protagonista: aiutata dal grande feeling con l’erba, la ceca lascia le briciole alle avversarie e centra la finale a Birmingham, guadagnandosi addirittura il ruolo di seconda favorita per Wimbledon. Sfiderà la sorprendente Barty, a segno su Garbine Muguruza. A Maiorca finale Sevastova-Goerges.

Goffin e Goerges nuovi testimonial Asics

Goffin e Goerges nuovi testimonial Asics

Il marchio giapponese annovera tra i suoi global ambassador altri due nomi illustri... di ALESSANDRO MAGRINI