Il tennis ha trovato un nuovo wunderkind

Il tennis ha trovato un nuovo wunderkind

Ancora in età da “Next Gen”, Alexander Zverev ha già vinto il Masters. È il coronamento di una crescita rapida e costante, iniziata quando seguiva le orme del fratello Mischa e intratteneva due adolescenti: Novak Djokovic ed Andy Murray. Oggi, più che mai, è il principale indiziato a raccogliere l'eredità dei Big Three.

Becker: “Non fate entrare in casa la mia ex moglie”

Becker: “Non fate entrare in casa la mia ex moglie”

Proseguono le vicende di cronaca con protagonista Boris Becker: dopo fallimenti, aste e presunti passaporti falsi, adesso c'è la battaglia a distanza con la ex moglie Lilly Kerssenberg. Aveva ordinato di non farla entrare in casa, ma lei voleva recuperare le sue cose. Per avere accesso all'abitazione, ha dovuto chiamare la polizia.

Un paese del Terzo Mondo per evitare la bancarotta

Un paese del Terzo Mondo per evitare la bancarotta

L'incredibile vicenda di Boris Becker: per evitare il procedimento fallimentare a Londra, ha mostrato un passaporto diplomatico della Repubblica Centrafricana. Dal paese africano, tuttavia, sostengono che non abbia incarichi e che il documento sia addirittura rubato. Lui smentisce tutti e tuona: “La procedura fallimentare è una farsa, chiederò il risarcimento”.

Becker vende tutto all'asta, trofei compresi

Becker vende tutto all'asta, trofei compresi

Con l'obiettivo di alleggerire una situazione economica che lo ha portato alla bancarotta, Boris Becker ha messo in vendita, presso un'asta online, una serie di trofei e oggetti che lo hanno accompagnato durante la carriera. Dai trofei di Wimbledon a un paio di scarpe, da una racchetta Puma all'abbigliamento originale.

Molleker si è messo sulle tracce di Zverev

Molleker si è messo sulle tracce di Zverev

A 17 anni e 7 mesi di età, Rudolf Molleker vince il suo primo ATP Challenger, alla terza partecipazione. Le similitudini con Zverev sono curiose: origini dell'est, primo titolo da minorenne, in un ricco torneo tedesco. E quell'aiuto di Boris Becker: “Mentalmente sono ancora immaturo, lui mi ha detto come fare per migliorare questo aspetto”.

Occhio Madrid, Berlino ci crede sul serio

Occhio Madrid, Berlino ci crede sul serio

Martedì scorso, una delegazione tedesca si è recata alla Caja Magica per discutere con gli organizzatori di una possibile offerta per trasferire il torneo da Madrid a Berlino. Noi ci eravamo già accorti di un possibile asse con la Germania. Tsobanian: “Vogliamo restare a Madrid, ma il rinnovo deve essere di almeno 10 anni”.

Un torneo a Berlino? “Boris, chiama il sindaco”

Un torneo a Berlino? “Boris, chiama il sindaco”

Berlino è l'unica grande capitale europea non ospitare un grande torneo. In un'intervista con la Bild, Ion Tiriac ha rivelato che Boris Becker sarebbe interessato a crearne uno. “Gli ho detto cosa fare...”. Sede di uno storico torneo WTA, la capitale tedesca è rimasta senza tennis nel 2008.

Djokovic torna alle origini? Si allena con Vajda

Djokovic torna alle origini? Si allena con Vajda

Nole è stato visto allenarsi a Marbella con Marian Vajda, storico coach abbandonato lo scorso maggio, dopo 11 anni di collaborazione. Non c'è l'ufficialità di un ritorno di fiamma, ma l'indizio è chiarissimo. Nel frattempo emergono i dettagli dell'addio alla coppia Stepanek-Agassi: la pensavano allo stesso modo, mentre "Nole" non era d'accordo.

Zverev-Ferrero: frecciate piene di veleno

Zverev-Ferrero: frecciate piene di veleno

A una settimana dalla separazione, Alexander Zverev e Juan Carlos Ferrero danno le rispettive versioni dei fatti su una separazione che non è stata troppo amichevole: “È stato irrispettoso, mettendo in mezzo altri membri del team” dice il tedesco. “Gli avevo solo chiesto di essere più puntale” replica lo spagnolo. Zverev smentisce l'ingaggio di Becker.

Becker: “Niente Zverev, resto con la DTB”

Becker: “Niente Zverev, resto con la DTB”

Boris Becker smentisce le speculazioni su una possibile collaborazione con il n. 1 tedesco. “Ho i miei impegni con la federazione tedesca e con Eurosport, mi trovo bene così”. Tuttavia seguirà Zverev nei prossimi tornei, a partire da Miami, nelle vesti di consulente. “Ascolteremo volentieri la voce di Boris” dice il manager.

Zverev molla Ferrero, ha puntato Becker?

Zverev molla Ferrero, ha puntato Becker?

Nonostante l’avvio splendido, la collaborazione fra Alexander Zverev e Juan Carlos Ferrero è terminata dopo soli sei mesi. L’ex numero uno voleva intervenire sulla professionalità anche fuori dal campo, “Sascha” non era d’accordo. Nelle prossime settimane si farà aiutare da Becker, al quale si è avvicinato molto. Non sorprenderebbe l’arrivo di un accordo vero e proprio.

L'appello di Becker: “Ho perso i miei trofei”

L'appello di Becker: “Ho perso i miei trofei”

Per cercare di alleggerire la sua situazione debitoria, Boris Becker aveva in mente di vendere i trofei dei suoi titoli più importanti, compresi i tre di Wimbledon. Tuttavia, non riesce a rintracciarli e ha lanciato un appello per recuperarli. Il curatore fallimentare: “Il caso Becker è molto complicato”.

“Zverev, è presto per un supercoach”

“Zverev, è presto per un supercoach”

Interessante e discutibile opinione espressa da Mats Wilander: secondo il sette volte campione Slam, Zverev ha sbagliato a puntare così presto su un tecnico importante. I risultati dicono che la scelta ha pagato, ma Wilander parla di trappola. A detta sua, un giocatore così giovane dovrebbe essere libero di sbagliare e assumersi le proprie responsabilità.

Amburgo resta a galla (per adesso)

Amburgo resta a galla (per adesso)

L'agenzia che ha rilevato la licenza del glorioso torneo tedesco fa sapere che punta a mantenere il torneo al Rothenbaum Club. C'è però il problema del tetto da ristrutturare, anche se Reichel sostiene che: “Non abbiamo bisogno di quello per restare qui”. Però è in attesa di parlare con la municipalità cittadina.

Becker rilancia e cita in giudizio il suo ex manager

Becker rilancia e cita in giudizio il suo ex manager

Sia pure in assenza di un accordo scritto, l'ex campione tedesco contesta al suo ex agente una serie di mancati introiti per una serie di vecchie apparizioni. La somma si attesterebbe sulle 100.000 sterline: non molto, se paragonata alle cifre della bancarotta. Ma lui sostiene di essere in grado di sistemare tutto.

Il dramma finanziario di Boris Becker

Il dramma finanziario di Boris Becker

Secondo alcune indiscrezioni, il fallimento decretato tre mesi fa sarebbe soltanto la punta dell'iceberg: l'ex campione tedesco avrebbe accumulato debiti per circa 61 milioni di euro. Per provare a rimediare, potrebbe mettere all'asta i trofei dei suoi tre successi a Wimbledon.

Becker torna in pista: lavorerà per la DTB

Becker torna in pista: lavorerà per la DTB

Con una conferenza stampa ad hoc, la Deutscher Tennis Bund ha annunciato la nascita di due nuovi incarichi, assegnati a Boris Becker e a Barbara Rittner. Saranno responsabili dell’intero settore agonistico della Federazione: “bum bum” nel maschile, l’ex capitana di Fed Cup nel femminile. Il peso di una figura come Becker può diventare determinante per portare Zverev in Coppa Davis.

30 anni fa, Il telefono rotto di Peter Doohan

30 anni fa, Il telefono rotto di Peter Doohan

Una brutta malattia ha portato via, ad appena 56 anni di età, l'australiano Peter Doohan. Ex n.43 ATP, è ricordato per aver battuto Boris Becker a Wimbledon 1987. Fu la prima sconfitta del tedesco sui prati londinesi. Un mese fa, Doohan ha scritto una bella lettera in cui raccontava alcuni retroscena di quella vittoria.

Becker, petrolio nigeriano e altri (?) debiti

Becker, petrolio nigeriano e altri (?) debiti

La stampa tedesca è scatenata con l'ex n.1 del mondo: i documenti di Football Leaks dimostrerebbero che aveva investito oltre 10 milioni nel petrolio e nel gas nigeriano. Inoltre, un suo ex socio d'affari sostiene di avere un credito di ben 36 milioni!

Le tante disavventure di Boris Becker

Le tante disavventure di Boris Becker

La recente bancarotta, dichiarata da un tribunale di Londra, è solo l'ultimo episodio negativo con protagonista Boris Becker. Prima le donne, poi una presunta evasione fiscale, infine una serie di investimenti sbagliati lo hanno tenuto sul filo del rasoio. Dice che ripagherà il debito: c'è da fidarsi?

La bancarotta di Boris Becker

La bancarotta di Boris Becker

Un tribunale londinese dichiara il fallimento dell'ex campione tedesco per non aver onorato un debito (6 milioni?) con una banca privata. I suoi avvocati avevano chiesto un rinvio di 28 giorni per poterlo onorare, ma la giudice lo ha negato. “Mi sembra che sia un uomo con la testa sotto la sabbia”.

Piove sul bagnato per Angelique Kerber

Piove sul bagnato per Angelique Kerber

Un problema al tendine del ginocchio costringe la tedesca a saltare Birmingham. “Stavo meglio, ma poi il dolore è tornato. Spero di giocare Eastbourne ed essere pronta per Wimbledon”. A Londra difende la finale e ammette: “Devo cambiare un paio di cose nel mio tennis”.

Zverev “punta” Boris Becker: “Ma ora costa troppo”

Zverev “punta” Boris Becker: “Ma ora costa troppo”

Il giovane tedesco, reduce dalle batoste in Coppa Davis, ritiene che l'ex coach di Djokovic possa aiutarlo a migliorare il suo tennis. “Ma ora non me lo posso permettere”. Da parte sua, Becker pensa che ci siano almeno altri dieci giocatori con un talento paragonabile al suo. “Ma l'ambiente familiare potrebbe fare la differenza in positivo”.

Djokovic-Becker: un addio lungo sei mesi

Djokovic-Becker: un addio lungo sei mesi

In un’intervista con Sky Sports UK, Boris Becker ha parlato della fine della collaborazione con Djokovic, confermando che dopo il successo a Parigi è cambiato qualcosa. “Nella seconda metà della stagione Novak ha passato in campo meno tempo di quanto avrebbe dovuto. Un successo come il suo va costruito di continuo”. Secondo “bum bum”, il serbo tornerà presto numero uno. A patto che…

UN AVVENTURA DURATA 1.083 GIORNI
L'ARRIVO DEL "GURU" PEPE IMAZ

Becker e Djokovic più forti che mai

Becker e Djokovic più forti che mai

Dietro a un grande campione, c'è sempre un grande allenatore. Becker e Djokovic protagonisti di mille successi ... di SARA MONTANELLI