Mario Draghi: “Berrettini impresa storica, orgoglioso di essere italiano”

Il Presidente del Consiglio riceve, a Palazzo Chigi, Matteo Berrettini, la Nazionale di calcio e la squadra Under 23 di atletica leggera

Foto Ray Giubilo

Matteo Berrettini, dopo essere stato ospite ai Giardini del Quirinale, ha avuto l’onore di incontrare il Premier Mario Draghi. Il finalista di Wimbledon, insieme alla Nazionale di calcio e alla squadra Under 23 di atletica leggera, si è recato a Palazzo Chigi per ricevere le congratulazioni anche da parte del capo di governo, il quale si è reso protagonista di un discorso da pelle d’oca.

“Siete nella storia – afferma l’ex Presidente della Banca Centrale Europea –: i vostri risultati sono stati straordinari. La Nazionale di Calcio è tornata a vincere un Campionato d’Europa dopo 53 anni, Matteo Berrettini è il primo italiano in quasi un secolo e mezzo a potersi giocare una finale a Wimbledon, la squadra Under 23 di atletica leggere si è classificata prima nel medagliere degli Europei, cosa che, in 13 edizioni, non si era mai verificata. Grazie a voi ci siamo emozionati, abbiamo gioito e ci siamo abbracciati. Per quanto mi riguarda, sono sempre stato orgoglioso di essere italiano, ma questa volta abbiamo festeggiato le vostre vittorie insieme e siete stati capaci di annullare le divisioni, facendosi riscoprire la bellezza di essere uniti in nome dell’Italia. Lo sport, nell’epoca contemporanea, segna in maniera indelebile la storia delle Nazioni e crea dei ricordi indimenticabili in ogni generazione: basti ripensare alla Coppa Davis del 1976, l’urlo di Tardelli nella finale dei Mondiali 1982, il record mondiale di Mennea nei 200 metri a Città del Messico, i trionfi di Francesca Schiavone e Flavia Pennetta al Roland Garros e agli US Open, fino ad arrivare alla vittoria dei Mondiali a Berlino nel 2006: voi, in questi giorni, avete meritato l’accesso a questa storia, mettendo l’Italia al centro dell’Europa”.

I video di Il Tennis Italiano

Guarda tutti i video di Il Tennis Italiano >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA