di Giona Maffei
- 16 July 2020

Stati Uniti tra incertezze e tornei cancellati: la strada per gli US Open è tortuosa

In Nord America si giocano diversi tornei, ma altrettanti vengono cancellati.

1 di 2

Foto Ray Giubilo

Il processo di ripartenza del tennis procede giorno dopo giorno, settimana dopo settimana. Il caso Adria Tour sembra ormai archiviato, e nella maggior parte delle esibizioni in giro per il mondo le norme di sicurezza sono rispettate, come dimostra anche l'assenza di nuovi “focolai” tra i giocatori. Tra meno di un mese, però, è previsto l'inizio dei tornei veri, in cui nulla potrà essere lasciato al caso e non ci potrà essere improvvisazione. E' proprio per questo che continua a preoccupare la situazione degli Stati Uniti, ovvero il paese più colpito del mondo ma anche quello da cui dovrebbe ripartire il calendario ATP. A fine agosto, poi, sarebbero in programma gli US Open, il cui svolgimento a un mese e mezzo dallo start è tutt'altro che sicuro.

A confermare i tanti dubbi sul tour americano è stato anche il presidente di ATP, Andrea Gaudenzi, che ai microfoni di Sky Sport. “Se i giocatori dovessero avere una quarantena in entrata e uscita dagli Stati Uniti bloccherebbe immediatamente il calendario”. Questo è già un primo problema, visto che la programmazione dei tornei prevede tre Masters 1000 (Cincinnati, Madrid e Roma) e due slam (US Open e Roland Garros) nel giro di un mese e mezzo. In sintesi il messaggio lanciato da Gaudenzi è il seguente: se si parte, non ci si può più fermare. Per questo motivo, di certezze sulla vera ripartenza del tennis ancora non ce ne sono.

Dovremo prendere una decisione sugli Us Open nelle prossime due settimane. Ci sono poche risposte alle nostre domande e poca chiarezza, non abbiamo ancora garanzie dai governi. Mi dispiace ma al momento non ho risposte” - aveva anche aggiunto il numero uno di ATP, confermando la grande difficoltà nell'organizzare in piena sicurezza uno dei quattro tornei più importanti al mondo. Gaudenzi ha anche sottolineato che, in caso di giocatori positivi nel bel mezzo di una manifestazione, non ci si potrebbe fermare di colpo. Si tratta di una soluzione che, sicuramente, non metterà tutti d'accordo.

Foto Ray Giubilo

Non solo ATP e WTA. Negli USA il tennis sta riprendendo con numerosi tornei minori, con norme di sicurezza piuttosto diverse tra loro. Nonostante le decine di migliaia di nuovi casi al giorno, infatti, il World Team Tennis in corso in West Virginia autorizza l'ingresso di 500 persone in una tribuna che ne contiene al massimo 2500, riempiendola quindi per 1/5 della sua capienza.

Al contempo, però, la United States Tennis Association (USTA) ha pubblicato una lista aggiornata dei tornei cancellati nelle prossime settimane, tra cui figurano diversi campionati giovanili e over, ma anche i Campionati Nazionali in programma a Newport. Si tratta di tornei di portata sicuramente minore, che comportano un'organizzazione meno pesante ma nello stesso tempo sacrificabili con più facilità.

La poca uniformità tra le decisioni negli Stati Uniti, però, non è certo incoraggiante in vista di agosto. Sono ancora tante, come detto da Gaudenzi, le risposte mancanti per poter avere una visione chiara di cosa succederà quando e se ricominceranno i tornei professionistici.

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TUTTO SU ROGER, RAFA E NOLE