Giacomo Fantozzi
26 November 2022

Davis Cup, è il giorno della semifinale azzurra. Riviviamo i precedenti: dal 1928 al 2014

Nel giorno in cui la nazionale italiana sfida il Canada nella semifinale di Davis Cup, ripercorriamo i momenti in cui, nella storia, gli azzurri sono andati vicini a sollevare la celebre insalatiera, riuscendoci, com’è noto, in una sola occasione.

Corrado Barazzutti, Fabio Fognini, Andreas Seppi, Paolo Lorenzi e Simone Bolelli a Napoli per la sfida contro la Gran Bretagna/2014 - Foto Ray Giubilo

Italia contro Canada. Una sfida tra due nazionali piene di talento, con due storie completamente diverse e, per certi versi, opposte nella Davis Cup. Per i canadesi una storia che nei tempi recenti si sta aprendo a scenari esaltanti, soprattutto grazie alla finale del 2019, persa contro la Spagna. Per l’Italia, invece, la storia si fa molto più articolata: gli azzurri, infatti, stanno per giocare l’undicesima semifinale della loro storia di Davis (7 finali interzone, 3 semifinali Gruppo Mondiale e una con la formula Finals). Va ricordato che la formula odierna della Davis è completamente diversa rispetto a quella con cui la competizione fu creata: esistevano dei gironi continentali che consentivano di accedere ad una finale interzone, tra stati vincitori di continenti diversi, vincendo la quale si sarebbe ottenuto l’accesso in finale. Ripercorriamo le tappe salienti della storia dell’Italia in Davis.

1928 – La prima semifinale

Risale al 1928 la prima esperienza in semifinale dell’Italia. La nazionale azzurra, dopo aver battuto l’Australia, la Romania, l’India, la Gran Bretagna e la Cecoslovacchia perse sui campi del Roland Garros, per 4-1, contro gli Stati Uniti.

1930 – Ancora Parigi, ancora Stati Uniti

Questa volta l’Italia arriva a Parigi dopo aver battuto Egitto, Austria, Australia e Giappone. Il risultato non cambia: Stati Uniti 4-1 Italia.

1949 – Terza finale interzone

L’Italia superò Turchia, Sud Africa, Cile, Jugoslavia e Francia, ma non poté nulla contro l’Australia, che demolì gli azzurri: 5-0.

1952 – Stati Uniti, atto terzo

Quarta finale interzone. Sul cammino dell’Italia si ripresentano gli Stati uniti che, stavolta, non le lasciano neppure un punto: 5-0.

1955 – Quinta finale interzone

L’Italia batté Germania, Danimarca e Gran Bretagna con dei roboanti 5-0, la Svezia 4-1 e arrivò alla finale interzone, dove perse contro l’Australia, di nuovo per 5-0.

1958 – Ancora Stati Uniti

La sesta finale interzone non andò meglio delle precedenti. Gli Stati Uniti vinsero 5-0.

1960 – Prima finale, prima sconfitta

L’Italia arriva in finale a Sidney, dove vinse l’Australia di Rod Laver, Roy Emerson e Neale Fraser per 4-1.

1961 – Seconda finale, ancora Australia

Questa volta la cornice è Melbourne, ma il risultato cambia poco: 5-0 Australia.

1974 – Settima e ultima finale interzone

Gli azzurri persero 4-1, a Johannesburg, contro il Sud Africa.

1976 – Prima, e unica, vittoria

Santiago del Cile, un evento di portata storica. “La squadra” per eccellenza: Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci, Adriano Panatta, Tonino Zugarelli, capitanati dalla leggenda della Davis Nicola Pietrangeli. Sconfitto il Cile per 4-1 in casa loro. Un successo che resta indelebile nella memoria di ogni appassionato di tennis.

1977 – Ancora finale, ma niente bis

Sidney, stavolta a esultare è l’Australia, che si impone 3-1.

1979 – Stati Uniti, incubo finale

Si gioca a San Francisco, e l’Italia non riesce a totalizzare neppure un punto. Vincono i padroni di casa con un sonoro 5-0.

1980 – Altra finale, altra delusione

Questa volta a battere l’Italia è la Cecoslovacchia, nella cornice di Praga, per 4-1.

1996 – Nantes, passa la Francia

L’Italia era davanti 2-0, ma non riuscì a consolidare il vantaggio e i francesi passarono in finale vincendo per 3-2.

1997 – Svezia fatale

L’Italia si fermò in semifinale, sul cemento di Norrköping, in casa di una Svezia che vinse 4-1 e si incamminò verso la conquista del sesto titolo.

1998 – Milano, psicodramma svedese

L’ultima finale, per ora, a tinte tricolori. La prima giocata in patria dalla nazionale. Il capitano era Paolo Bertolucci, con Andrea Gaudenzi e Davide Sanguinetti singolaristi titolari. Gli azzurri staccarono il pass per la finale con una vittoria insperata contro gli Stati Uniti in terra americana, dove fu decisiva la straordinaria vittoria di Sanguinetti contro Todd Martin (finì 4-1 per l’Italia). Al ritorno, però, non ci fu storia al forum di Assago: la Svezia, detentrice del titolo, si impose per 4-1. La sfida sembrava equilibrata e assolutamente imprevedibile, ma già nella prima sfida: Gaudenzi contro Norman (numero 52 al mondo), il destino si oppose alla nazionale azzurra. Nel quinto set, decisivo per il primo punto, Gaudenzi fu costretto al ritiro per un infortunio al tendine della spalla destra. Un dolore incredibile, sia per lui che per i 15.000 tifosi presenti, e un ritiro che consegnò la coppa alla nazionale scandinava.

2014 – Si torna in semifinale, ma c’è Roger

Sedici anni dopo la grande delusione, l’Italia superò, ancora inaspettatamente, la Gran Bretagna a Napoli. Fognini ottenne una vittoria epocale contro Murray, e Seppi completò l’opera contro James Ward. La semifinale sembrava tutt’altro che abbordabile per i ragazzi di Barazzutti. Infatti, il pronostico non venne ribaltato: Federer sconfisse in tre set un eroico Simone Bolelli, che riuscì a portare lo svizzero al tie-break nel primo ma non ebbe la forza di scalfire la convinzione di un Roger che sembrava determinato a tornare a casa con l’insalatiera. Altrettanto improbabile sembrava la possibilità di giocarsi la vittoria per Fabio Fognini contro Stan Wawrinka, numero 4 del mondo. Il match si è concluso in poco più di un’ora e mezza, con il ligure che non è mai sembrato in grado di mettere veramente in difficoltà l’avversario. Inaspettatamente, però, le porte della finale sembrarono riaprirsi quando Bolelli e Fognini, in coppia, strapparono il punto del doppio a Wawrinka e Chiudinelli, con un’eroica rimonta da 2 set a 1 di svantaggio. Ci pensò Federer a chiudere il discorso, battendo Fognini nel quarto incontro e regalando la finale alla Svizzera. Inutile la vittoria di Andreas Seppi contro Lammer. La Svizzera arrivò in finale e vinse la prima Davis della sua storia, contro la Francia.

I video di Il Tennis Italiano

Guarda tutti i video di Il Tennis Italiano >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA