di Aliosha Bona
- 11 August 2020

A Praga vittoria in rimonta di Giorgi su Kostyuk, subito fuori Paolini

La maceratese si impone al tie-break decisivo con la giovanissima ucraina. Paolini cede a Mertens che se la vedrà proprio con la Giorgi

Foto Ray Giubilo 

Camila Giorgi conferma l'ottimo momento di forma e ottiene un successo tutt'altro che scontato con la giovanissima ucraina Marta Kostyuk. Parte bene l'avventura della maceratese al Wta International di Praga, secondo torneo europeo post-lockdown dopo quello di Palermo, dove Camila si è fermata allo scoglio delle semifinali. Quest'oggi l'esordio in Repubblica Ceca contro la classe 2002 di Kiev che nel 2018 si mise in luce agli Australian Open, non dando troppo seguito ad un enorme talento, destinato a sbocciare definitivamente da qui a poco.

Dopo aver perso il primo set per 6-4, Giorgi reagisce con un netto 6-2. Nel terzo riesce a rimontare dal 3-0 sotto, archiviando la pratica solamente al tie-break in un finale thriller. Kostyuk esce di scena dopo aver superato le qualificazioni, prosegue invece il cammino dell'azzurra che domani affronterà Elise Mertens. Una Mertens mietitrice dell'altra italiana in tabellone, ovvero Jasmine Paolini. La toscana esce a testa altissima contro la numero 23 al mondo: punteggio di 7-5 4-6 6-3 a favore della belga dopo 2 ore e 41 minuti di battaglia sulla terra rossa di Praga. Anche per Paolini questo nuovo inizio del tennis sta lasciando segnali positivi, senza dimenticare Cocciaretto ed Errani. Rispetto ad un anno fa il movimento in rosa ha motivi per sorridere. Infine da segnalare la vittoria a dir poco sofferta della numero due al mondo Simona Halep su Polona Hercog.

I risultati dell'11 agosto:

(1) Halep b. Hercog 6-1 1-6 7-6(3)
(WC) Krejcikova b. Tig 6-4 6-3

Frech b. Ruse 7-6(8) 6-3

Rus b. (6) Pavlyuchenkova 7-5 6-2

Giorgi b. Kostyuk 4-6 6-2 7-6(4)
(3) Mertens b. Mertens 7-5 4-6 6-3

Tsurenko b. (5) Alexandrova 6-2 6-4
Pliskova b. (WC) Fruhvirtova 6-2 7-5
(2) Martic b. Gracheva 7-6 6-3

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TUTTO SU ROGER, RAFA E NOLE