Internazionali BNL d'Italia, Zeppieri: "Impossibile descrivere le mie emozioni. Posso stare nel circuito"

Le parole di Giulio Zeppieri dopo il successo su Maxime Cressy che lo proietta nel tabellone principale degli Internazionali BNL d'Italia

Foto Adelchi Fioriti 

Dopo le sconfitte nelle pre-qualificazioni non doveva esserci, ma per una volta la fortuna ha sorriso a Giulio Zeppieri. Dopo aver ottenuto la wild card last minute per gli Internazionali BNL d’Italia, in seguito alla sfortunata rinuncia dell’amico Lorenzo Musetti, il tennista di Latina si è qualificato per il main draw battendo in successione Alex Molcan e Maxime Cressy. Per me è davvero difficile descrivere a parole cosa sto provando: il Pietrangeli è stato fantastico - le parole di Zeppieri nella conferenza stampa che ha seguito il match vinto con lo score di 4-6 6-4 7-6(5) -. Ho speso tante energie in questi match, ma sto vivendo qualcosa di unico. Ci ho messo magari un attimo in più per arrivare a questo risultato, ma ognuno ha un percorso personale. Jannik e “Muso” sono stati due eccezioni, perché sono arrivati giovanissimi. Io sono ampiamente in tempo per sbarcare e recitare la mia parte nel circuito maggiore”.

Dopo aver chiuso la storica relazione con il tecnico di infanzia Piero Melaranci, Zeppieri si è affidato a Giuseppe Fischetti, altro coach con il quale ha un rapporto quasi fraterno: All’inizio ci sono state delle difficoltà, ma abbiamo e stiamo lavorando. Cambiare allenatore non è mai una scelta facile, ma è stata una decisione giusta per il percorso. Gradualmente abbiamo iniziato a raccogliere i frutti, tra l’altro ero reduce da sei mesi di infortunio e quando ho ripreso ero in sovrappeso”. Nell’angolo dell’azzurro ha seguito la sfida anche Lorenzo Musetti, che ha condiviso con lui tutta la trafila del circuito junior: Noi due siamo migliori amici. Era da tanto che non ci vedevamo, ma abbiamo giocato a lungo insieme in tantissimi tornei”.

I video di Il Tennis Italiano

Guarda tutti i video di Il Tennis Italiano >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA