di Tommaso Vitali
17 September 2022

Coppa Davis, Jannik Sinner: "Abbiamo una squadra molto forte, sono qui anche per dimenticare quel match con Alcaraz agli US Open"

Le parole dell'altoatesino in conferenza stampa, al termine del match vinto in tre set contro Francisco Cerundolo

Foto Felice Calabrò 

Grazie alla vittoria ottenuta su Francisco Cerundolo con lo score di 7-5 1-6 6-3 al termine di una battaglia di 2 ore e 36 minuti, Jannik Sinner ha regalato all'Italia la qualificazione per le Finals di Coppa Davis, che si disputeranno a novembre a Malaga.

Al termine del match con l'argentino, il numero 1 d'Italia ha parlato in conferenza stampa delle sue sensazioni e dell'emozione di difendere i colori azzurri: "Sono venuto qui a Bologna perché mi piace molto giocare la Coppa Davis per l'Italia, ma anche per dimenticare quella serata con Alcaraz agli US Open. Anzi nottata perché erano le tre e mezza di notte mentre parlavamo con Simone (Vagnozzi, ndr) su quali fossero gli aspetti su cui lavorare dal giorno dopo. E già una partita come quella di oggi era perfetta per migliorare perché sapevo in partenza che non sarebbe stata facile. Ma sono comunque molto contento della mia performance".

Sulla qualificazione alle ATP Finals, l'azzurro ha sottolineato: "Quest’anno ho giocato meno tornei dell'anno scorso e soprattutto mi mancano i punti di Wimbledon. Adesso comunque ci sono i tornei indoor e so che al coperto posso giocare bene. Se poi non dovessi qualificarmi cominceremo a lavorare per l’anno prossimo".

Infine, una considerazione sulla squadra: "Abbiamo una squadra molto forte con più opzioni per il nostro allenatore. Io, Matteo e Lorenzo in singolare e un doppio di alto livello che in carriera ha vinto uno Slam e che ci dà tranquillità nel caso dovessimo trovarci sul 1-1. Quindi sarei ottimista. E comunque cogliamo l’attimo, è bellissimo giocare qui a Bologna davanti a questo pubblico entusiasta, mentre in Coppa Davis non ho ancora giocato in trasferta, vedremo".

I video di Il Tennis Italiano

Guarda tutti i video di Il Tennis Italiano >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA