di Aliosha Bona
- 23 June 2020

Bufera su Djokovic e l'Adria Tour. Murray: "Che serva da lezione"

I colleghi di Nole giudicano senza scrupoli ciò che è avvenuto all'Adria Tour. E c'è chi ironizza, tipo Sandgren, sulle convinzioni alquanto discutibili di Nole in fatto di emozioni

1 di 2

Nell'occhio del ciclone Novak Djokovic dopo i numerosi casi positivi legati all'Adria Tour. Sono ben tre, ad ora, i casi positivi tra i giocatori: Dimitrov, Coric e Troicki hanno contratto il virus, aspettando il risultato del tampone del numero uno al mondo. Qualche perplessità sul torneo era sorta già nel primo weekend andato in scena a Belgrado: nessuna precauzione e distanziamento inesistente. Il risultato è quello che vediamo oggi. "Penso che tutti possiamo imparare da questa lezione - afferma Andy Murray alla stampa britannica - Onestamente, spero che non sia una cosa troppo seria. Serbia e Croazia erano paesi che stavano superando la pandemia in modo agevole e ora le cose potrebbero peggiorare. Ma si sapeva che non appena i paesi avrebbero aperto le frontiere e la gente sarebbe uscita di casa, questo genere di cose poteva accadere". Andy tornerà in campo questa settimana al 'Battle of the Brits'. Il promotore dell'idea è stato il fratello Jamie: "Abbiamo preso tutte le precauzioni possibili - spiega nel dettaglio il più grande dei due Murray - Consigliamo a tutti di mantenere la distanza sociale, non vogliamo che qualcuno si ammali. Ci siamo riuniti per stabilire chiaramente come dovremmo comportarci. Siamo riferimenti sociali per molti bambini e non possiamo deluderli. Quello che è successo durante l'Adria Tour è deplorevole".

Sempre di britannici si parla con Daniel Evans. La preoccupazione del trentenne di Birmingham si sposta in ottica Us Open, che potrebbero essere messo a rischio dopo la positività di grandi campioni come Dimitrov e Coric: "Quanto successo è un cattivo esempio e dovremmo essere tutti responsabili. Non è uno scherzo. Anche senza misure di distanza imposte, proverei comunque a mantenerle. C'è stato un totale disprezzo verso questo tema. E spero che questo non impedisca agli US Open di essere disputati: spero che non ci siano dubbi a causa di ciò che è accaduto durante l'Adria Tour".

Diversa la polemica, nelle parole e nella forma, da parte di Tennys Sandgren. L'americano ci ha abituato in questi anni a pensieri social senza filtri, in stile Kyrgios: "Se Djokovic non prende il coronavirus, inizierò a benedire la mia acqua con vibrazioni positive", scrive sul proprio profilo Twitter azzardando ad un'ironia non gradita da tutti nei commenti. Ma non solo critiche tra i colleghi. A prendere in qualche modo le difese della leggenda di Belgrado ci ha pensato Richard Gasquet, puntando il dito contro i piani alti: "Djokovic non è il principale colpevole. Non è stato lui a mettere una pistola alla tempia ai giocatori. È stato il governo che ha scelto di ospitare 5.000 spettatori". Sul futuro del tennis: "Non fermeranno un torneo perché un giocatore sarà positivo. Agli Us Open penso che ciò accadrà, altri casi potrebbero essere rilevati e bisognerà stare attenti", conclude il francese a L'Equipe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TUTTO SU ROGER, RAFA E NOLE