Barcellona: Jannik Sinner supera Rublev in due set e vola in semifinale

Prestazione convincente del tennista altoatesino che adesso affronterà il vincente tra Stefanos Tsitsipas e Felix Auger-Aliassieme.

Foto Ray Giubilo 

Grazie a una grande prova, Jannik Sinner supera Andrey Rublev con il punteggio di 6/2 7/6 e vola in semifinale nell’Atp 500 di Barcellona. Prestazione fantastica dell’azzurro che ha sempre dato l’idea di essere padrone della sfida. Prima semi in carriera in un torneo del cicurito maggiore su terra rossa. Al prossimo turno se la vedrà contro il vincente dell’incontro tra il vincitore di Montecarlo, Stefanos Tsitsipas e Felix Auger-Aliassime, giustiziere di Lorenzo Musetti.

IL RACCONTO DELLA SFIDA

Rublev è il primo a guadagnarsi una palla break, nel secondo gioco, che viene annullata dall’azzurro. Nel gioco successivo, è Sinner a portarsi sul 30-40 e a strappare il servizio al suo avversario. L’allievo di Riccardo Piatti prende sempre più fiducia e nel settimo game arriva il secondo break di giornata che consegna il set nella mani dell’altoatesino. La prima frazione si chiude così con lo score di 6/2 in 37 minuti di gioco.
Inizio di secondo set che vola via rapidamente, con tutti e due i giocatori che tengono la battuta senza patemi. La prima palla break arriva nel settimo gioco e, grazie a un errore col dritto del russo, Sinner la coglie allungando sul 4-3. La reazione del numero 7 del mondo arriva già nel game successivo grazie al break a 0. Il numero 2 d’Italia, nonostante non riesca a trasformare ben 3 palle break consecutive nell’undicesimo game, riesce a mantenere la calma e ad allungare la sfida al tiebreak. Qua, l’italiano inizia subito alla grande allungando sul 4-1. Rublev riesce a recuperare e a portarsi sul set point. A questo punto Sinner mette una marcia in più e chiude la sfida con il punteggio di 6/2 7/6.

Probabilmente lui era stanco dopo la settimana di Montecarlo, ma sono molto contento della mia prova. Queste sono le partite per cui mi alleno e che mi fanno crescere” ha dichiarato Sinner al termine della sfida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA