Giacomo Fantozzi
27 September 2022

Angelique Kerber: “Mi piacerebbe giocare di nuovo per la Germania alle olimpiadi del 2024”

A margine di un evento a Lipsia, l’ambasciatrice del brand Porsche ha rilasciato dichiarazioni ad un organo mediatico della casa automobilistica tedesca. L’ex numero uno del ranking WTA ha detto di puntare ai giochi olimpici del 2024, dopo aver recentemente annunciato di essere in dolce attesa.

Foto Ray Giubilo

A Lipsia, ospite d’onore del teatro dell’opera, Angelique Kerber ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni agli organi stampa di Porsche, brand di cui è ambasciatrice. La trentaquattrenne tedesca aveva annunciato, prima degli US Open, la propria gravidanza. L’ultimo match dell’ex numero uno al mondo risale a Wimbledon, quando perse al terzo turno contro Elise Mertens. Aveva già dichiarato di voler tornare a giocare dopo la maternità, ma ora ha dato dettagli più chiari su un eventuale ritorno in campo: “mi piacerebbe giocare di nuovo per la Germania alle olimpiadi del 2024, a Parigi”. Kerber ha vestito più volte la distinta della propria nazionale, partecipando a due edizioni delle olimpiadi (2012, 2016), e conquistando una medaglia d’argento (2016). La campionessa Slam ha nuovamente detto di voler tornare in campo e di volerci provare con ogni mezzo, ma ha aggiunto: “se devo fare qualcosa, devo farlo bene”. La novità che questa gravidanza ha portato nella sua vita riguarda la mancata partecipazione allo US Open, il primo torneo dello Slam che ha saltato negli ultimi tredici anni. L’atleta, però, non si è detta eccessivamente dispiaciuta per l’assenza: “Non c’è un motivo migliore per prendersi una pausa dal tennis. Cercherò di usare questo tempo nel modo migliore. Sto continuando a giocare a tennis e a cercare di rimanere in forma. Lo sport fa parte della mia vita.”

L'Intervista completa

Sei stata commentatrice per Eurosport per la finale dello US Open. Com’è andata?

È stato interessante e molto divertente. Il tennis è la mia passione, il mio grande amore. Sono stata coinvolta in questo gioco per molti anni. Conosco le giocatrici ed è un grande vantaggio. So cosa succede nelle loro teste, come si preparano per un match. Spero di essere stata in grado di dare agli spettatori dei punti di vista interessanti.”

Hai vinto lo US Open nel 2016. Quali emozioni hai vissuto nel commento?

È stato intenso. Quando le giocatrici sono entrate in campo e dopo la partita, quando c’è stata la cerimonia di premiazione, sono stati momenti emozionanti. Molti pensieri, dal 2016, sono passati nella mia testa, bei ricordi e momenti indimenticabili. Avevo la pelle d’oca.”

Iga Swiatek è la migliore giocatrice al mondo. Cosa pensi della scia di vittorie che la polacca ha compiuto vincendo gli US Open dopo il Roland Garros?

Ho molto rispetto per l’equilibrio con cui si è destreggiata in questi eventi. Devo togliermi il cappello di fronte a lei per il modo in cui ha gestito tutto il frastuono che la circondava. Dopotutto, ha solo 21 anni. La conosco bene e sono curiosa di vedere per quanto a lungo potrà mantenere questi alti livelli.”

Cosa rende la polacca così forte?

Soprattutto la sua costanza. In questa stagione non ha solo vinto gli Slam a Parigi e New York, ma anche i tornei di Doha, Indian Wells, Miami e Roma, così come il Porsche Tennis Grand Prix a Stoccarda. È forte dal punto di vista mentale e continua a lavorare duramente anche dopo tutti questi successi. Questi elementi e l’intensità che mette nel proprio gioco dall’inizio alla fine, la rendono una giocatrice molto difficile da battere.”

Chi pensi che sia in grado di darle filo da torcere?

Penso che Iga sarà in testa al ranking per molto tempo. Una giocatrice che ha avuto delle buone uscite e ha mostrato, non solo agli US Open, di essere in grado di giocare con costanza un buon tennis, anche sotto pressione, è Coco Gauff. Penso che arriverà presto ai livelli che le potranno consentire di vincere tornei dello Slam e battersi per la prima posizione.”

Sembra una vita da quando hai iniziato a giocare nel circuito. Com’è la tua nuova vita senza tennis?

Non ho saltato un torneo dello Slam negli ultimi 13 anni. Questo è il motivo per cui questa situazione è completamente nuova per me. Non c’è un motivo più bello per prendersi una pausa dal tennis. Proverò a utilizzare questo tempo nel migliore dei modi. Sto continuando a fare sport per rimanere in forma e sto giocando ancora a tennis. Lo sport fa parte della mia vita. Ma naturalmente non ho intenzione di strafare. Ho molta esperienza e so esattamente cosa è buono per me e cosa non lo è.”

Hai guardato molte partite dello US Open in televisione. Com’è stato viverle da fuori?

C’è una percezione completamente diversa rispetto a quella che si ha quando si scende in campo. Quando guardi una partita dall’inizio alla fine vedi molti più dettagli e puoi analizzare al meglio alcune situazioni. Per una giocatrice o per un’altra, ora so molto meglio a cosa devo stare attenta se dovessi giocarci contro di nuovo.”

Questo significa che la maternità non sarà la fine della tua carriera?

Assolutamente no. Cercherò di rimettermi in forma e tornare nel circuito, ma senza accelerare troppo i tempi. Quando sarà il momento vorrò giocare con tutta me stessa. Se devo fare qualcosa, devo farlo bene.”

Quali sono i tuoi obiettivi?

Un obiettivo sono le olimpiadi del 2024 a Parigi. Mi piacerebbe molto giocarle. Ho partecipato ai giochi olimpici di Londra e Rio de Janeiro, è qualcosa di speciale giocare per il proprio paese in un evento così straordinario. Mi piacerebbe provare di nuovo quelle emozioni. C’è ancora un po’ di tempo, per cui non mi sento sotto pressione.”

Cos’hai in programma per il prossimo futuro?

Ci sono vari progetti importanti. Uno è la mia autobiografia, che sarà pubblicata a novembre. Ci ho messo molto tempo a prepararla e ho pensato a lungo a cosa avrei voluto condividere con la gente, quali messaggi dare alle giovani giocatrici che iniziano in questo periodo. È stata un’esperienza intensa e molto emozionante. Spero che alla gente piaccia.

I video di Il Tennis Italiano

Guarda tutti i video di Il Tennis Italiano >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA