Vilella Martinez vince il titolo a Todi, niente ciliegina sulla torta per Gaio

Secondo successo in un Challenger per il tennista iberico, che migliora il proprio best ranking

Foto Marta Magni / MEF Tennis Events

Mario Vilella Martinez è il campione della tredicesima edizione degli Internazionali di Tennis Città di Todi | Sidernestor Tennis Cup. Lo spagnolo si aggiudica l’atto finale del Challenger umbro superando Federico Gaio con il punteggio di 7-6(3) 1-6 6-3. Prestazione massiccia quella del 26enne di Elche, che, dopo aver perso nettamente il secondo parziale, si è subito rimesso in carreggiata con un break in avvio di set decisivo. Con la vittoria ottenuta sui campi del Tennis Club Todi 1971, diventano due i titoli Challenger conquistati in carriera dall’iberico, che nel 2019 aveva trionfato a Praga. Niente da fare invece per Gaio, che rimanda l’appuntamento con il primo successo in una manifestazione targata MEF Tennis Events, sarebbe stato il quinto a livello Challenger.

Accompagnato questa settimana da Santiago Giraldo, che nel 2013 andò a quattro match point dal titolo a Todi, Vilella Martinez vince un trofeo segnato nel suo destino. “Sono veramente felice di questo successo. Questa settimana Santiago mi ha seguito in veste di amico e coach; otto anni fa lui fallì quattro match point per il successo e sono contento di aver vinto qui al suo fianco”. Grazie al traguardo raggiunto in Umbria, Vilella Martinez toccherà la posizione numero 159 della classifica ATP, suo nuovo best ranking. Un po’ di amarezza a fine match per Federico Gaio, prima testa di serie del torneo, alla quale è mancata solo la ciliegina sulla torta come lui stesso ha ammesso durante la premiazione: “Sono contento della mia settimana perché ho espresso un buon tennis e faccio i complimenti a Mario per il risultato ottenuto. Adesso voglio confermarmi nei prossimi mesi della stagione, posso fare ancora meglio e l’anno prossimo tornerò qui e proverò a vincere il titolo che oggi mi è sfuggito”.

Con la finale della Sidernestor Tennis Cup, MEF Tennis Events chiude in casa un tour de force che, negli ultimi mesi, ha regalato gioie e richiesto tanta energia: “Per noi è fantastico chiudere a Todi un ciclo iniziato 13 mesi fa - commenta il presidente Marcello Marchesini -. Nessuno pensava che avremmo fatto tutti questi tornei e siamo fieri del nostro lavoro”. La tredicesima edizione degli Internazionali di Tennis Città di Todi non ha tradito le attese e, sui campi del Tennis Club Todi 1971, non è mancato lo spettacolo: Era difficile avere una finale migliore di questa e avere un italiano in campo la domenica conclusiva è d’aiuto anche per il coinvolgimento del pubblico - rimarca il numero uno di MEF Tennis Events, che nelle ultime due settimane è tornato in Umbria per gli eventi di Perugia e Todi -. Sin dall’inizio, la nostra idea era quella di promuovere la nostra cittadina ed il territorio umbro, perché le istituzioni ci sono sempre state vicine in questi anni e, senza di loro, non sarebbe stato possibile fare tutti questi tornei dal 2007 ad oggi. Lo stesso discorso vale per gli sponsor, alcuni storici come Sidernestor, che ci è vicina dalla prima edizione”. La macchina organizzativa avrà tempo per riposare, ma non troppo perché già in autunno la famiglia Marchesini tornerà in campo: “Ci prendiamo qualche giorno di meritato riposo, perché questi mesi hanno chiesto uno sforzo straordinario al nostro team, che ha fatto un lavoro eccezionale. Ripartiremo sicuramente a novembre con un Challenger a Tenerife, ma ci sono buone possibilità di poter partire per la Spagna, qualche settimana prima, per un WTA 250. Al momento non c’è nulla di definitivo, ma abbiamo parlato con la WTA e a fine luglio voleremo alle Canarie per vedere se ci sono le condizioni per ospitare un altro grande evento”.

I risultati delle finali

Finale singolare

Mario Vilella Martinez (2) b. Federico Gaio (1) 7-6 1-6 6-3

Finale doppio

Giulio Zeppieri/Francesco Forti b. Alexander Merino/Facundo Diaz Acosta 6-3 6-2

I video di Il Tennis Italiano

Guarda tutti i video di Il Tennis Italiano >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA