US Open, parte del Congresso degli Stati Uniti si schiera con Djokovic: le richieste rivolte al Presidente Biden

Il serbo continua a sperare nella partecipazione all'ultimo Slam della stagione; intanto qualcosa si muove nel Governo USA

Foto Ray Giubilo

Nelle ultime ore Novak Djokovic ha dovuto ufficialmente comunicare il suo forfait dal Masters 1000 di Montreal. In Canada, infatti, come al momento anche negli Stati Uniti, è vietato l'ingresso nel Paese agli stranieri non vaccinati e proprio per questo motivo il serbo è stato costretto a rinunciare alla Rogers Cup.

Il 21 volte vincitore Slam continua però a coltivare speranze per quanto riguarda la sua partecipazione agli US Open e qualcosa di concreto inizia ad essere messo in atto dal Governo statunitense.

Due rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti, la repubblicana Claudia Tenney e il repubblicano Louie Gohmert hanno infatti firmato ed inviato a Joe Biden una richiesta ufficiale per concedere a Novak Djokovic – e non solo – la possibilità di entrare negli Stati Uniti.

"Oggi esorto l'amministrazione Biden a emettere un'esenzione per interessi nazionali in modo che la star del tennis di fama mondiale Novak Djokovic e qualsiasi altro atleta internazionale possano competere agli US Open. Biden dovrebbe quindi abbandonare del tutto questo ridicolo mandato, che riguarda il controllo e la politica, non la salute pubblica" - è quanto scritto da Tenney.

"L'attuale mandato per i viaggiatori stranieri negli Stati Uniti è anti-scienza e anti-americano" - afferma invece Gohmert.

I video di Il Tennis Italiano

Guarda tutti i video di Il Tennis Italiano >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA