Redazione
- 07 September 2020

Il giudice arbitro: «Non c'era altra scelta che squalificare Djokovic»

Il drammatico racconto dei minuti in cui è stata presa la decisione di escludere Novak Djokovic dagli Us Open nelle parole del Referee del torneo, Soren Friemel.

Che conclude: «i fatti erano chiari, non importa ciò che c'era in gioco, Djokovic andava punito come qualsiasi altro giocatore. La volontarietà non c'entra, ha pesato l'infortunio della giudice di linea»

Novak Djokovic - foto Instragram

Soeren Friemel, il giudice arbitro degli Us Open, ha tenuto una conferenza stampa per spiegare come è arrivato alla difficile decisione di squalificare Novak Djokovic. Ecco il testo della conferenza.

Friemel: «Ho visto l'arbitro di linea... era a terra con il medico, il fisioterapista, accanto a lei anche Novak e l'arbitro della sedia, ci siamo occupati dell'arbitro di linea, assicurandoci che stesse bene, poi il supervisore del Grande DSlam (Andreas Egli), che stava guardando la partita, e l'arbitro della sedia, Surelie Tourte, ha spiegato cosa è successo. Quello che mi è stato spiegato è che dopo che Novak Djokovic ha perso il punto, ha preso una palla dalla tasca, l'ha colpita incautamente e con rabbia dietro la schiena e ha colpito l'arbitro di linea alla gola. Il giudice di linea era chiaramente ferita e dolorante, è caduta a terra e abbiamo dovuto occuparci di lei. I fatti sono stati discussi o spiegati dal giudice arbitro e dal supervisore del grande slam. In questa situazione è particolarmente importante che siamo sicuri al 100% di quello che è successo esattamente, soprattutto perché ero nell'ufficio dell'arbitro. Ma i fatti sono stati accertati, poi ho dovuto parlare con Novak Djokovic, gli ho dato la possibilità di esporre anche il suo punto di vista, e sulla base dei fatti che la palla era stata colpita con rabbia, incautamente, che è andata dritta alla gola dell'arbitro di linea, è stata presa la decisione di squalificare Novak".

Qual è stata l’obiezione di Novak?

«Il suo punto è stato che non ha colpito l'arbitro di linea intenzionalmente. Ha detto ‘sì, ero arrabbiato, ho colpito la palla, ho colpito l'arbitro della linea, i fatti sono molto chiari, ma non era mia intenzione, non l'ho fatto apposta, quindi non dovrei essere squalificato per questo. Siamo tutti d'accordo che non l'ha fatto apposta, ma i fatti sono sempre che ha colpito l'arbitro di linea e che l'arbitro di linea si è chiaramente fatto male».

Si può guardare un replay in questo caso?

«Non abbiamo una analisi video qui agli US Open. In tutti i Grand Slams non c'è un replay video, quindi non ho la possibilità di guardare alcun replay, e sì, l'impatto o la velocità della palla ha certamente un peso sulla decisione. Ma qui, la palla è stata colpita dritta all'arbitro di linea e ha colpito con violenza l'arbitro di linea, quindi non c'era altra opzione».

C'è qualcos'altro che Novak ha detto?

«Ovviamente questo è un momento molto difficile per tutte le persone coinvolte, quindi è essenziale ricostruire esattamente i fatti, e questo è anche il motivo per cui c'è stata una lunga discussione con il presidente arbitro e il supervisore del Grande Slam e credo che questa sia la procedura attraverso la quale diamo al giocatore il diritto di esporre tutti i fatti. Anche se ci vuole un po' di tempo in più, volevo assicurarmi che ogni aspetto fosse preso in considerazione. Sì, in seguito ha ripetuto che non l'ha fatto intenzionalmente, ma non ci sono state altre discussioni al di là del discutere i fatti e l'esito dell’incidente".

Perché la volontarietà non fa parte della discussione?

«La volontarietà fa parte della discussione, ma ci sono due fattori, uno è l'azione e l’altro esito. E l'azione, il risultato di aver colpito l'arbitro di linea e di averlo chiaramente ferito, è il fattore essenziale nel processo decisionale. Non avremmo avuto questa lunga discussione se l'avesse fatto di proposito. Ma qui entrambi i fattori sono statipresi in considerazione».

C’è un margine di discrezionalità nel suo giudizio?

"Alla fine, ogni violazione del codice ha una parte di discrezionalità, ma in questo caso non credo che ci fosse alcuna possibilità di prendere una decisione diversa dalla squalifica di Novak, perché i fatti erano così chiari, così ovvio che l'arbitro della linea era chiaramente ferito e Novak era arrabbiato, e ha colpito la palla avventatamente, con rabbia. Tenendo tutto in considerazione, non c'è stata alcuna discrezionalità".

Novak in qualche modo ha cercato di far valere il suo rango?

«Squalificare un giocatore in un Grande Slam è una decisione molto importante, molto dura e per questo motivo, non importa se è sull’Arthur Ashe, se è il No 1 o qualsiasi altro giocatore su qualsiasi altro campo, devi prendere la decisione giusta. Tutti in campo erano consapevoli di cosa c'era in gioco, ma dobbiamo tralasciarlo e fare in modo di basarci sui fatti e sulle regole in modo da prendere la decisione giusta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TUTTO SU ROGER, RAFA E NOLE