Redazione - 07 marzo 2020

Coppa Davis, Fognini-Bolelli regalano le Finals all'Italia

Il punto del 3-0 è arrivato dalla coppia d'oro del tennis italiano: Fognini-Bolelli hanno superato la coppia coreana Nam-Song. Italia alle Finals di Madrid

Foto Ray Giubilo

Complice qualche acciacco fisico di Lorenzo Sonego, alle prese con un piccolo fastidio al polso, e di Gianluca Mager, che nella sfida di ieri ha dovuto chiamare medical time-out per una contrattura all'adduttore, Corrado Barazzutti ha deciso di andare sul sicuro nella seconda giornata della sfida tra Italia e Corea del Sud, valevole per la qualificazione alle Finals di Coppa Davis, in programma a Madrid. Dopo i due singolari vinti nella giornata di ieri, obiettivo centrato dalla squadra azzurra grazie al doppio che ha visto trionfare la coppia d'oro del nostro tennis: Fognini-Bolelli, abili a superare i sud-coreani Ji Sung Nam e Min-Kyu Song, regalano un 3-0 senza appello che spedisce l'Italia - orfana di Matteo Berrettini e Jannik Sinner - alla rassegna finale in terra spagnola, in programma a novembre. Tanta, tantissima la differenza di valori messa in campo dal duo tricolore, che in carriera può vantare anche un titolo Slam ottenuto agli Australian Open 2015; nonostante un piccolo problema al fianco destro per il quale ha dovuto anche ricevere un trattamento medico a fine primo set, Fognini ha impreziosito il match con colpi spettacolari, aiutato da un Bolelli come sempre capace di destreggiarsi benissimo in una specialità che può ancora dargli tanto, nonostante sia prossimo ai 35 anni. La coppia coreana si è difesa come ha potuto, giocando la prima parte del primo parziale praticamente alla pari, salvo poi capitolare col punteggio di 6-3 6-1 davanti ad una coppia collaudata e tennisticamente superiore. L'Italia non stecca, vince come da pronostico e stacca il pass per Madrid. Già qualificate per le Finals anche L'Australia (3-1 sul Brasile), l'Ecuador (3-0 sul Giappone) e il Kazakistan (3-1 all'Olanda).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TUTTO SU ROGER, RAFA E NOLE