Head Instinct Mp 2021: il test in campo

Abbiamo testato in campo la nuova versione della Instinct Mp, con Graphene 360+

1/6

Gli americani dicono “user-friendly” e il concetto rende. Una racchetta manovrabile, facile, accessibile, un po' per tutti.

Siamo scesi in campo con la nuova Head Instinct Mp. Rinnovata nella forma, con questa nuova colorazione con blu prevalente e azzurro nella parte inferiori degli steli e il grip di serie; ma anche nella sostanza, con l’inserimento dell’innovativa tecnologia Graphene 360+ (combinazione tra Graphene 360 e SpiralFibers). Come per gli altri nuovi modelli dell’azienda austriaca, le Spiralfibers vengono adottate nelle spalle del telaio (fibre che si modulano allungandosi e raddrizzandosi a favore della flessibilità) e il Graphene posizionato negli steli per aumentare maneggevolezza e stabilità e nella parte alta del telaio per diminuirne la deformazione, migliorando il trasferimento dell’energia.

IL LAB - Le specifiche geometriche e fisiche sono rimaste invariate: Instinct Mp è una moderna agonistica da 300 grammi di peso senza corde, con ovale da 100 pollici quadrati e uno schema corde con 16 corde verticali e 19 orizzontali. Tipicamente “moderno” anche il profilo consistente del telaio, dai 23 ai 26 millimetri, così come il bilanciamento equilibrato a 32 centimetri (sempre senza incordatura montata).

IL CAMPO - Immediatezza e versatilità. Due concetti che escono abbastanza nitidi e, manco a dirlo, “istintivamente” da una sessione di gioco in campo con la nuova Head Instinct Mp. L’abbiamo fatta incordare con Head Hawk Rough (calibro 1,25 millimetri) a 22 kg di tensione. I primi scambi da fondo sono parsi da subito disinvolti, facili, potenti.

L’ideale è portare il colpo con uno swing abbastanza contenuto, quasi classico. Quanto a spinta (ma anche controllo) vengono premiati di più gli impatti piatti e puliti. Il top o le rotazioni moderne non sono così costanti nel “regalare” profondità (il pattern 16x19 ha maglie non troppo larghe). Molto bene il feeling e la precisione del backspin.

Comfort e reattività molto alte, la racchetta si mostra stabile e sicura. Lo si avverte bene anche nei pressi della rete, dove ci si destreggia con disinvoltura pure non essendo volleatori esperti. Parate difensive o chiusure facili riescono precise ma anche perentorie.

Instinct Mp fa sentire l’ottima manovrabilità anche al servizio dove con adeguata scioltezza si riescono a toccare anche velocità più che buone; preciso lo slice, discreto il kick che necessita di tecnica e spinta fisica per essere pesante.

PER CHI - Una racchetta completa, agonistica facile e accessibile anche a livelli intermedi. O addirittura anche semi-principianti fisicamente strutturati o preparati. Buona anche per qualche giocatore classico di Club che vuole tentare la strada del “moderno” e accantonare i profili più stretti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
TUTTO SU ROGER, RAFA E NOLE