Moutet si scopre artista in quarantena: "La musica simile alla psicoanalisi"

Moutet si scopre artista in quarantena: "La musica simile alla psicoanalisi"

Corentin Moutet sta sfruttando lo stop del circuito per dedicarsi alla musica e pubblica i suoi brani su Instagram

Next Gen Finals 2020: il punto sulla Race to Milan. Sinner e Musetti a caccia del pass

Next Gen Finals 2020: il punto sulla Race to Milan. Sinner e Musetti a caccia del pass

Dopo un mese e mezzo Moutet guida la Race to Milan davanti a Shapovalov e Aliassime. Le speranze azzurre sono in mano a Jannik Sinner, detentore del titolo

Rublev dagli infortuni alla top-20: il russo è il nuovo emiro di Doha

Rublev dagli infortuni alla top-20: il russo è il nuovo emiro di Doha

In finale ha superato 6-2 7-6 il francese Corentin Moutet, vendicandosi della sconfitta incassata nel 2019 contro l'altro francese Monfils. E' il terzo titolo Atp che vince dopo Umago e Mosca. L'anno scorso era scivolato fuori dai primi 100 per colpa degli infortuni, accettare le sconfitte e i momenti no è stata la chiave della risalita. E Federer si aspetta grandi cose da lui nel 2020.

Corentin Moutet, un mancino-poeta in finale a Doha

Corentin Moutet, un mancino-poeta in finale a Doha

Uscito dalle qualificazioni, a secco di vittorie sul cemento outdoor, a Doha il 20enne peso leggero francese che ama Baudelaire e Rimbaud ha liquidato prima Raonic, poi, nella stessa giornata, causa pioggia, due ex top-ten come Verdasco e Wawrinka. Oggi incontra Rublev nella sua prima finale Atp

Il Next Gen che non c’è

Il Next Gen che non c’è

Ci sarebbe piaciuto ammirare a Milano il talento (e la personalità) di Corentin Moutet, classe 1999. Un appuntamento solo rimandato. Per adesso siamo andati a Metz a scoprire un personaggio davvero unico che sta gettando le basi per un grande futuro a suon di citazioni e riflessioni social di vario genere.

Il Tennis Italiano di novembre è in edicola!

Il Tennis Italiano di novembre è in edicola!

Non solo Masters e finale di Davis: novembre è anche il mese delle Next Gen Finals. Per questo, il numero in edicola è incentrato sulle nuove leve del circuito mondiale, con focus di qualità su Shapovalov, Moutet e Musetti. Ma c'è anche molto altro: i trombettieri della Giorgi, storie, attrezzatura, tecnica, interviste, approfondimenti...

Il Tennis Italiano di novembre è in edicola!

Il Tennis Italiano di novembre è in edicola!

Il Next Gen che non c’è

Il Next Gen che non c’è

Ci sarebbe piaciuto ammirare a Milano il talento (e la personalità) di Corentin Moutet, classe 1999. Un appuntamento solo rimandato. Per adesso siamo andati a Metz a scoprire un personaggio davvero unico che sta gettando le basi per un grande futuro a suon di citazioni e riflessioni social di vario genere.

I Signori del tennis del futuro (16-9)

I Signori del tennis del futuro (16-9)

Le Next Gen ATP Finals tornano a Milano e abbiamo voluto realizzare la seconda edizione della nostra Top-25 dei migliori under 21 del circuito. Affidiamo i nostri futuri piaceri soprattutto a Denis Shapovalov (che però a Milano non vedremo) ma sono in tanti a promettere di arrivare in alto. Compresi alcuni nati nel nuovo millennio. (Parte 2 di 3)

Il tennista che cita Baudelaire e legge Wilde

Il tennista che cita Baudelaire e legge Wilde

Prima apparizione al Roland Garros per Corentin Moutet, grande speranza del tennis francese. È un tipo ribelle, insofferente all'autorità altrui, ma con interessi particolari per un ragazzo così giovane: musica, letteratura, poesia. Gli piace parlare “delle cose della vita”. Esordirà contro Karlovic, 20 anni più anziano e 36 centimetri più alto.

Seppi non molla: vince e resta nei primi 100

Seppi non molla: vince e resta nei primi 100

Andreas Seppi raccoglie 125 punti ATP nel giro di otto giorni e anche stavolta scongiura il rischio di uscire dai top-100. L'azzurro impiega un set e mezzo per prendere le misure al talentino francese Corentin Moutet, poi domina e si regala il secondo turno contro Yoshihito Nishioka. Ripetere gli ottavi è possibile: ha perso anche Jack Sock. Fuori Paolo Lorenzi.