di Matteo Proietti - 21 November 2023

Il 2024 della WTA secondo Martina Navratilova

Il 2023 della WTA si è di fatto concluso con la Billie Jean King Cup, ed è già tempo di guardare alla prossima stagione. Martina Navratilova, 18 volte campionessa Slam, si lancia in alcuni pronostici relativamente al 2024

Il circuito WTA è da sempre il più difficile da pronosticare, il livello delle giocatrici è più uniforme rispetto al circuito maschile e non è difficile che esca fuori la sorpresa della stagione. Non a caso il 2023 è stata già la quarta occasione - a partire dagli anni duemila - dove all'interno di una singola stagione ci sono state 3 nuove campionesse Slam: Aryna Sabalenka, Marketa Vondrousova e Coco Gauff. Era già successo nel 2004, 2011 e 2018 dove tra le vincitrici troviamo, tra le altre, Maria Sharapova così come Li Na. C'è quindi grande interesse per capire come sarà il 2024 del circuito femminile, motivo per cui è stato chiesto a Martina Navrativola sul sito della WTA alcuni pronostici in vista della prossima stagione.

il momento di ons

Rimanendo in tema di prime volte, il primo pronostico della 18 volte campionessa Slam riguarda per l'appunto chi vincerà il primo Slam della carriera nel 2024. Navratilova non ha alcun dubbio: Ons Jabeur. "Guardando la classifica in questo momento, deve essere Ons. Per la varietà dei colpi e il resto del suo gioco, è la scelta più ovvia. La sconfitta a Wimbledon è stato straziante, ma come dicono: se non uccide, fortifica". La giocatrice tunisina è stata infatti per ben tre volte vicina al grande traguardo, due volte sull'erba dei Championship intervallate dalla finale di Flushing Meadows: nel 2022 si arrese in tre set a Elena Rybakina a Londra e a Iga Swiatek a New York, mentre in questa stagione ha lasciato il passo a Vondrousova dopo essere stata avanti 4-2 nel primo set. Chissà che la giocatrice tunisina non voglia ripercorrere le orme di Kim Clijsters, che perse le prime quattro finali Slam per poi vincere le successive quattro.

Tra ritorni e conferme

Il 2024 promette di essere una stagione quanto mai equilibrata, tra importanti ritorni nel circuito e chi dovrà invece confermare i risultati ottenuti. L'attesa più grande è senza dubbio per Naomi Osaka, ferma da quasi un anno e mezzo per la nascita del suo primo figlio e tornerà in Australia, a Brisbane. Dall'alto della sua esperienza, Navratilova si sente di dare qualche consiglio alla quattro volte campionessa slam. "Non vedo l'ora di vedere come si svolgerà tutto questo, ci vorrà del tempo prima che le gambe tornino a funzionare e la fiducia tornare a scorrere. Spero che la prenda lentamente, piuttosto che troppo in fretta. Penso che da Indian Wells in poi potrà nel mix, lì ha vinto il titolo nel 2018 e sarebbe bellissimo per lo sport vederla tornare al top."

Chi invece vorrà senza dubbio confermare gli ottimi risultati è Iga Swiatek, che si è confermata numero uno al mondo dopo il recente successo a Cancun nelle WTA Finals. In Messico non ha lasciato neanche un set alle sue avversarie, concedendo soltanto sei giochi tra semifinale e finale rispettivamente a Sabalenka e Gauff. Proprio il grande successo ottenuto ha fatto cambiare idea a Navratilova sulla prossima stagione della polacca. "In quel caso Iga ha mostrato che, se al meglio, è migliore di chiunque altro. In condizioni così difficili, ha travolto tutti. Sarò onesta, un paio di settimane fa, sulla base dei risultati ottenuti, non pensavo che potesse confermarsi numero uno anche il prossimo anno. Avrei detto Coco Gauff, ora penso che lei potrà superare Sabalenka al numero due del mondo ma non so se una delle due riuscirà a superare la polacca."

L'altro pronostico dell'ex tennista ceca riguarda per l'appunto Coco Gauff, che ha trovato il suo primo successo Slam a New York questa stagione. L'americana esplose letteralmente nel circuito ormai quattro anni fa, quando a soli quindici anni sconfisse Venus Williams al primo turno di Wimbledon dopo aver superato le qualificazioni. Per questo non ci sono dubbi secondo Navratilova che potrà ripetersi, proprio sui prati dell'All England Club. "Sarei sorpresa se non vincesse un altro Slam, soprattutto a Wimbledon. Penso all'erba perché è più brava di tutti a rete e va avanti molto bene. Per me Coco deve essere favorita sull'erba, anche perchè per sua stessa ammissione è la superficie più ostica per Iga."

Le campionesse di domani

Le ultime due previsioni da parte di Martina Navratilova riguardano quelle che saranno le campionesse del domani, su tutte Qinwen Zheng e Mirra Andreeva. La giocatrice cinese ha scalato la classifica mondiale partendo a inizio anno al numero 143 fino ad arrivare all'attuale quindicesima posizione, ottenuta grazie ai successi arrivati a Palermo e a Zhengzhou - dove ha vinto i giochi asiatici - prima di chiudere la stagione alle WTA Elite Trophy. "Lei è un grande talento, è una donna in missione. Dipenderà molto da cosa farà il prossimo allenatore, in base a quanto ci crederà sarà una giocatrice da non sottovalutare in futuro. Chiude il suo pronostico sulla 16enne russa, capace di spingersi fino al quarto turno di Wimbledon. "L'ho vista giocare e mi piace quello che vedo. Lei è una forza e lo vuole, lo vuole tantissimo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA