di Lorenzo Ercoli - 12 January 2021

Naomi Osaka campionessa d’incassi: il segreto della sportiva più pagata di sempre

La scorsa stagione la nipponica ha guadagnato 37.4 milioni di dollari, diventando l’atleta donna più pagata di sempre nell’arco di 365 giorni

Nessuna come Naomi: 37.4 milioni di dollari guadagnati in un anno

A soli 23 anni, Naomi Osaka si è consacrata come volto trainante del tennis femminile. La scorsa stagione la nipponica ha guadagnato 37.4 milioni di dollari, diventando l’atleta donna più pagata di sempre nell’arco di 365 giorni. A differenza di altre discipline, nel tennis le donne possono sensibilmente avvicinarsi ai guadagni dei colleghi uomini. Nessuna sorpresa quindi se nella top 10 delle sportive più pagate, le prime nove posizioni sono occupate da tenniste. Al decimo posto, guida la classifica delle “altre” Alex Morgan, volto della nazionale americana che gode di un accordo particolarmente remunerativo con Nike.

In termini economici Osaka ha polverizzato il precedente record di Maria Sharapova, capace di guadagnare 29.7 milioni di dollari al termine della stagione 2016. Per calcolare la graduatoria annuale, Forbes unisce i guadagni derivanti dai risultati sportivi a quelli provenienti da accordi di sponsorizzazione. Nel 2020 la giapponese ha conquistato lo US Open, ottenendo il terzo trionfo slam in altrettante stagioni; ma sui proventi, sono gli endorsement a fare la differenza. Naomi Osaka rompe gli schemi: è un volto diverso, è se stessa ed è l’atleta perfetta per promuovere il tennis, sport globale per eccellenza. “Naomi rappresenta qualcosa di nuovo e ha grande appeal anche su chi non segue il tennis - ha recentemente analizzato David Carter, professore di sport business alla USC’s Marshall School of Business -. Tanti fattori l’hanno resa un’icona del marketing sportivo globale: è giovane, rappresenta più culture e ha una bella storia di vita”. La tennista come ben noto è cresciuta negli Stati Uniti d’America, figlia di madre giapponese e padre haitiano. In passato Naomi ha potuto godere del doppio passaporto, privilegio che il giappone concede fino ai ventidue anni a chi è nato da genitori di due nazioanlità diverse. A fine 2019 la scelta dell’attuale numero 3 WTA è ricaduta sul paese del Sol Levante.

L'Olimpiade in casa ed il maxi accordo con Nike

Confermato il passaporto giapponese, mai stato realmente in dubbio, Osaka nel 2021 sarà per forza di cose il volto femminile della XXXII edizione dei Giochi Olimpici. Diversi brand hanno già messo in cassaforte un accordo con la tennista: da Procter & Gamble (Worldwide Olympic Partner) a Nissin e All Nippon Airways (Official Partner). A Tokyo questi marchi incentreranno il proprio marketing sull’atleta classe 1997, che gode di picchi di popolarità senza precedenti tra il pubblico nipponico. Da quando è uscita la classifica di Forbes le cose sono diventate ancora più strane, la gente mi guarda diversamente. Sono strana, giusto? La persone mi hanno sempre guardato in maniera diversa. Ma adesso lo fanno ancora di più”, le recenti parole di Osaka, a tratti ancora imbarazzata della propria popolarità.

Naomi al momento vanta più di quindi accordi di sponsorizzazione in corso, quasi tutti valgono sette cifre e coinvolgono marchi del calibro di Yonex, Nissan Motor e MasterCard. La perla in questo mare è però l’agreement con Nike, che per battere la concorrenza di Adidas, nel 2019 ha garantito alla tre volte campionessa slam un contratto da oltre 10 milioni di dollari annui fino al 2025. La redditizia partnership con il brand dello swoosh, include un altro privilegio, concesso in passato solo alla cinese Li Na. A differenza degli altri atleti ingaggiati da Nike, Osaka può infatti esibire sul proprio completo le patch di altri sponsor, nello specifico quelle di MasterCard, All Nippon Airways e Nissin. Naturalmente la casa americana ha voluto sfruttare la potenza commerciale di Osaka anche fuori dal campo, proprio per questo a fine 2020 è avvenuto il lancio della linea di vestiti a lei dedicata. In fase di promozione la giocatrice è apparsa emozionata e con orgoglio ha raccontato il progetto: Sono stata coinvolta moltissimo nelle creazione di questa collezione, è uscita come volevo e sono molto contenta del risultato. I vestiti colorati, rappresentano le mie origini e ciò che mi piace in termini di stile. Sono fiera del mio background multiculturale ed è per questo che ho deciso di inserire nei capi i richiami alle bandiere di Giappone, di Haiti e degli Stati Uniti d’America”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA