di Aliosha Bona - 20 June 2020

Il Wta di Palermo avrà il pubblico

Il direttore del torneo Oliviero Palma rivela: "Riteniamo che possano essere presenti sugli spalti circa 500 spettatori, divisi tra le due tribune". Pronti i termoscanner.

Il circuito Wta riparte e lo fa da Palermo. Dal 1° al 9 agosto il tennis torna a ospitare una competizione ufficiale con il trentunesimo Ladies Open siciliano. Il torneo darà il via nuovamente al calendario femminile, che poi si sposterà negli Stati Uniti per il Western & Southern Open prima degli Us Open. La vera novità di giornata non riguarda lo svolgimento, ormai ufficiale da qualche giorno, bensì la presenza tutt'altro che scontata del pubblico. A darne la conferma è il direttore del Wta International di Palermo, Oliviero Palma: “La circolare emanata dal Dipartimento della Protezione Civile Regionale (n. 22 del 19 giugno 2020, ndr) – spiega – chiarisce che nelle manifestazioni internazionali, nazionali e regionali, amatoriali e agonistiche, all’interno dei circoli sportivi è ammessa la presenza del pubblico, fermo restando il divieto di assembramento e delle norme sul distanziamento sociale. Riteniamo che possano essere, quindi, presenti sugli spalti circa 500 spettatori, divisi tra le due tribune. I fans, all’ingresso, dovranno sottoporsi al termoscanner, essere in possesso del biglietto o abbonamento nominativo e dovranno prendere posto nella poltroncina loro assegnata (per consentire il tracciamento, ndr)”.

Per chi aveva già acquistato l'abbonamento per il torneo e non sarà presente, è previsto il rimborso entro e non oltre il 30 giugno prossimo, richiedendolo tramite mail da inviare a countrytimeclub@gmail.com. Sul sito ufficiale si legge infatti che l'organizzazione "riprogrammerà i posti assegnati negli abbonamenti già venduti così come la posizione dei palchi, che verrà rimodulata nel rispetto delle norme sul distanziamento sociale". Si preannuncia ovviamente un'edizione diversa da quella svoltasi l'anno scorso, quando a trionfare fu la svizzera Jil Teichmann su Kiki Bertens. Per ulteriori informazioni sui biglietti cliccare qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA