BANDA ROSSA

Roland Garros, i tabelloni: MASCHILE - FEMMINILE

0

Si chiama Tennys, e ora può smettere di nasconderlo

I problemi al ginocchio di Stan Wawrinka regalano una giornata di gloria a Tennys Sandgren, a secco negli Slam fino a tre giorni fa. Stanco delle domande sul nome particolare, il 26enne del Tennessee ha confessato di usarne spesso un altro, di fantasia. Ma dopo un successo così sarà tutto più facile. Ora sfida Marterer: la seconda settimana non è un miraggio.
Si chiama Tennys, e ora può smettere di nasconderlo
0
Marco Caldara
18 gennaio 2018

I giornalisti accorsi nella sala interviste del media centre sono riusciti a resistere fino alla settima domanda, ma era scontato che prima o poi l’argomento sarebbe saltato fuori. “Siamo già andati molto avanti in questa conferenza stampa senza ancora aver citato il tuo nome di battesimo”, ha scherzato uno dei presenti, e l’eroe della quarta giornata dell’Australian Open ha risposto a tono con un bel sorriso: “bravi, complimenti a tutti”. Perché quando sul passaporto hai stampato Tennys Sandgren, e il tennis è pure la tua professione, la domanda sul perché diavolo ti chiami così sarà sempre inevitabile. E se fino a quando giochi a livello Challenger se la fanno in pochi, quando rifili tre set a zero a Stan Wawrinka e la popolarità tocca picchi mai visti prima, la curiosità va di pari passo. In realtà, il nome del numero 97 del ranking ATP non nasconde chissà quali segreti: i nonni erano svedesi e i genitori – entrambi appassionati dello sport che oggi dà da vivere al secondogenito – l’hanno trovato una buona idea. Lui dice di sentire una sorta di responsabilità a far bene data dal nome e ci scherza su (“potevano sempre fare peggio, potevano chiamarmi Tennys ball”), ma non nasconde che rispondere alla stessa domanda da anni sia diventato un po’ frustrante. Tanto che quando ordina un caffè o un panino (negli Stati Uniti c’è l’abitudine di lasciare il nome, per essere chiamati al momento giusto) è solito usare un nome diverso, per evitare l’argomento. “Dico David, o qualcosa così. Non mi va di parlare del mio nome già al mattino, ancora prima di prendere un caffè. Preferisco altri modi per iniziare la giornata”. Tuttavia, il 26enne del Tennessee, accompagnato a Melbourne da coach Jim Madrigal, non dev’essere mai stato così fiero del suo nome come quando l’ha letto sul tabellone della Margaret Court Arena, con tre 6 dalla sua parte e un 2, un 1 e un 4 da quella del campione dell’edizione 2014. Messi insieme fanno 6-2 6-1 6-4, in 88 minuti a senso unico.

GESTIONE DEL MATCH STUPENDA
Detta così sarebbe un risultato che non sta né in cielo né in terra, con tutto il rispetto per il pur buon Sandgren. In realtà, Wawrinka aveva chiarissimi problemi, al maledetto ginocchio sinistro operato dopo Wimbledon, come una brutta cicatrice non perde l’occasione di ricordargli. Stan è andato in crisi già in avvio e non si è mai ripreso, faticando tantissimo negli spostamenti laterali, quando doveva caricare sul ginocchio. Vien da chiedersi come abbia fatto al primo turno a battere Ricardas Berankis, che non sarà un fenomeno ma l’esperienza per vincere contro un avversario menomato la dovrebbe avere. Di sicuro l’ha avuta Sandgren, che nel circuito maggiore aveva vinto solo due partite lo scorso anno a Washington, e il primo match Slam l’ha portato a casa l’altro ieri contro Chardy. Eppure ha capito al volo cosa fare e come farlo. E non era una passeggiata: Wawrinka era menomato, certo, ma c’era da battere anche il peso del suo cognome, le emozioni, il palcoscenico, il peso del risultato in arrivo e chi più ne ha più ne metta. In sintesi, c’erano le condizioni per combinare comunque un pasticcio, invece l’americano si è armato di pazienza e una volta trovato il primo break del match è stato impeccabile, mostrando un tennis niente male e una gestione del match persino sorprendente. È andato a prendersi i punti, sul proprio servizio ha permesso a Wawrinka di arrivare una volta a 30 (segno che non si è mai distratto), e se gli Stati Uniti hanno un posto al terzo turno del torneo il 50% del merito è il suo. Al termine del match ha esultato appena, per rispetto. Perché anche lui è passato da un’operazione, all’anca, perciò sa cosa significhi scendere in campo col timore di farsi male di nuovo, e cercare pian piano delle sicurezze.

Si chiama Tennys, e ora può smettere di nasconderlo

“SOLDI E FAMA NON CONTANO NULLA”
Non è bello sentirsi così in campo – ha spiegato Wawrinka – ma devo comunque essere positivo. Già essere riuscito a giocare due incontri è una vittoria: quando sono venuto qui non me lo sarei aspettato”. Sandgren ha raccontato di aver visto la vittoria di Wawrinka allo Us Open del 2016 in un bar con amici, come uno qualsiasi dopo che aveva perso nelle qualificazioni, bevendo qualche birra e chiedendosi come lo svizzero facesse a giocare a certi livelli. Una quindicina di mesi dopo l’ha battuto. “Sapevo che non era al 100% – ha detto – ma prima del match ho cercato di pensare che lo fosse, di convincermi che avrebbe giocato al massimo delle sue possibilità. Non è stato così, e un paio di volte al cambio di campo ho guardato se invece di andare a sedersi veniva verso di me, per ritirarsi. Non l’ha fatto, e trovo ammirevole che ci abbia provato fino alla fine”. In un colpo solo Sandgren si è preso miglior vittoria in carriera, miglior risultato in carriera e forse anche miglior occasione in carriera, visto che il terzo turno lo giocherà col mancino tedesco Maximilian Marterer, numero 94 ATP, passato in 5 set su Fernando Verdasco pur vincendo ben sette punti in meno. “Ero già contento di aver vinto la mia prima partita in uno Slam, e ora ne ho vinta una seconda. Spero di vincere anche la terza”, ha sintetizzato con la semplicità di chi a certi livelli ha anche pensato di non arrivarci mai, e quindi non si pone alcun obiettivo. “Quando giochi per tre o quattro anni a livello Futures e Challenger è come vivere nell’oscurità. Di attenzioni non ce ne sono, e uno va avanti solo perché ama giocare e ama questa vita. Se non la pensassi così, probabilmente avrei smesso, perché di soldi e fama, ai livelli a cui ho giocato per la maggior parte della mia carriera, non se ne vedono. Per questo, ho imparato a concentrarmi su aspetti più importanti della vita, piuttosto che sui soldi o sul tipo di macchina che guido in base al mio livello di gioco. Sono cose che per me non contano nulla”. Gliene importerà poco, ma sono frasi che gli faranno guadagnare più di un tifoso.

Si chiama Tennys, e ora può smettere di nasconderlo

Sposta