15 aprile 2016

Sara e la rincorsa al Foro Italico

La rozzanese ha sfiorato le pre-quali in doppio. Ci riprova in singolare fra Brescia e Pescara, sparando le ultime cartucce negli Open BNL...

Sara e la rincorsa al foro italico

Giocare un torneo sui campi del Foro Italico di Roma è il sogno di ogni italiano che abbia preso in mano almeno una volta la racchetta. Fra loro c’è Sara Marcionni, la ventiseienne dell’Asd Training Team che sta provando in tutti i modi a guadagnarsi un posto per le pre-qualificazioni degli Internazionali d’Italia, attraverso gli Open BNL che offrono ai vincitori un posto al sole. L’atleta di Sondrio, di base a Rozzano già dai 18 anni, l’ha sfiorato in doppio in coppia con Chiara Quattrone, perdendo in finale al torneo dell’Eurosporting Club di Treviso, dove la qualificazione – a differenza di altre due tappe che promuovevano anche le finaliste – era in palio solo per le vincitrici. Ma non si è persa d’animo e ci sta provando assiduamente anche in singolare: questa settimana gioca a Pescara, la prossima sarà in gara a Brescia, per sparare le ultime cartucce in vista del sogno Internazionali. Sempre in tema di Open BNL, da segnalare il gran torneo di Jacopo Mora sui campi del Quanta Club (Milano), dove si è messo in luce prima qualificandosi per il tabellone finale, e poi arrivando in fondo a quello di terza categoria. È mancato il titolo nella sezione intermedia, ceduta per 6-4 6-3 a Davide Pozzi, ma le cinque vittorie sparse nei due tabelloni confermano i progressi del 17enne milanese, che dovrebbero portarlo presto fra i ‘seconda’. “Jacopo è un esempio per tutti i nostri ragazzi – spiega la coach Amanda Gesualdi – perché è cresciuto proprio nella nostra scuola tennis, e con umiltà e tenacia sta raggiungendo traguardi importanti”. Anche lui sarà al via anche a Brescia.

 

Nel frattempo, il Tennis Rozzano si prepara per il via del campionato di Serie C, riconquistato con la promozione dello scorso anno. La formazione, composta da Sara Marcionni, Arianna Magagnoli, Yana Morar, Margherita Colombo, Ludovica Chiesa, Nicole Mingazzini, Giulia Cecchi e Amanda Gesualdi ha riposato alla prima giornata, e farà il suo esordio domenica 17, sui campi di Samarate (Varese). “Come già detto – prosegue la Gesualdi – il nostro obiettivo è tornare in Serie B, ora che abbiamo risolto il problema legato alle giocatrici del vivaio. Nel tennis non è sempre tutto scontato, ma sulla carta non dovremmo avere difficoltà a superare il girone, per poi giocarcela ai play-off”. In tema di campionati a squadre, è iniziata anche la ‘Coppa Davis’ fra le università del Milanese, con una splendida doppietta del Team Bocconi, seguito dallo staff della Training Team. I ragazzi hanno vinto sia la prima giornata contro la Statale sia la seconda contro i campioni in carica del Politecnico, mai sconfitti in precedenza, salendo al comando della classifica, in una competizione regolarmente valida per le classifiche federali. E proprio in Bocconi si è concluso con successo il corso di mental coaching tenuto da Amanda Gesualdi e Alberto Biffi, indirizzato agli allenatori di tutte le sezioni sportive dell’ateneo. “È andata alla grande – chiude la Gesualdi – e credo che il progetto proseguirà sicuramente. Presto ci incontreremo per decidere come proporlo, e in che veste, nel prossimo anno sportivo”. Da valutare se estenderlo a tutti gli atleti o, addirittura, a tutti gli studenti. 

 

Ufficio Stampa ASD Training Team

© RIPRODUZIONE RISERVATA