BANDA ROSSA

ATP Mosca: Mannarino b. Cecchinato 62 63

0

Quadrifoglio Pouille, teste di serie e Fognini

Due ore di discussione nel nostro appuntamento audio con Jacopo Lo Monaco. La vittoria della Francia in Coppa Davis, con i retroscena della vigilia e la buona stella di Lucas Pouille. Uno sguardo alle nuove regole degli Slam e tutte le vostre domande, da cui nasce una riflessione più approfondita su Fabio Fognini.
Quadrifoglio Pouille, teste di serie e Fognini
0
Redazione
29 November 2017



PRIMO BLOCCO – Alcuni retroscena sulla finale di Coppa Davis tra Francia e Belgio. A cinque giorni dalla sfida, Yannick Noah aveva detto a Pierre Hugues Herbert che non sarebbe stato nel quartetto, lasciando spazio al doppio Mahut-Benneteau. Tuttavia, impressionato dalla reazione di Herbert, ha cambiato idea all'ultimo. “Se mi fossi trovato al posto del giocatore, probabilmente me ne sarei andato!” dice Jacopo Lo Monaco. Quella di Lille non è stata una grande finale, con il solo doppio come match davvero equilibrato. “Giocando così male nel game più importante, Bemelmans si è auto-escluso dall'eventuale quinto match”. Il problema dei belgi è che il tennis di Darcis non fa neanche il solletico a Lucas Pouille, che dunque ha portato a casa un punto che si ricorderà tra decenni. “Si conferma sempre di più il tennista-quadrifoglio” scherza Jacopo, che continua a considerarlo piuttosto sopravvalutato. La sua fortuna rappresenta un buon 50% dei meriti della Davis francese (“In Giappone non c'era Nishikori, contro la Gran Bretagna mancava Murray, mentre tra i serbi non c'era Djokovic”). Il 35% dei meriti va Yannick Noah, che però ha effettuato alcune scelte rischiose: per sua fortuna, gli è andata bene. Il restante 15% va agli altri componenti della squadra. Il Board dei tornei del Grande Slam ha approvato alcune norme e proposte: riflettiamo sulla riduzione delle teste di serie, che nel 2019 torneranno a sedici. Secondo Jacopo è un bene: oggi si tutelano troppo i top-players. La prima voce di Eurosport è favorevole anche lo shot-clock: a suo dire, potrebbe avere effetti benefici anche sul modo di stare in campo di alcuni giocatori. Sapendo di avere soltanto 25 secondi, qualcuno potrebbe evitare di fare scambi troppo lunghi.​

Quadrifoglio Pouille, teste di serie e Fognini

SECONDO BLOCCO – Grande curiosità per la conferenza stampa di Stan Wawrinka, prevista venerdì prossimo. Sorprende il fatto che sia stata convocata in piena offseason, prestandosi a mille elucubrazioni. È possibile che sia l'annuncio di un nuovo coach dopo l'uscita di scena di Magnus Norman, ma non sono da escludere altri tipi di comunicazione, non necessariamente positivi. Ovviamente speriamo che sia tutto ok è che “Stan the Man” sia regolarmente ai nastri di partenza nel 2018. Le modalità e le tempistiche obbligano a tenere aperte vari tipi di congetture. A chiudere, tanto spazio per le vostre domande.

  • Un paragone a 360 gradi tra Maria Sharapova e Victoria Azarenka.

  • Le partite attuali sono più brutte e meno spettacolari rispetto al passato? Se sì, perché?

  • Che voto possiamo dare alla stagione di Fabio Fognini? In fondo, prima di Bercy era ai livelli di Sock...

  • C'è un giocatore di cui ci piacerebbe leggere la biografia?

  • Ancora su Fognini: ha ragione quando dice che in Italia ci sono troppe aspettative su di lui? Più in generale, avrebbe potuto fare di più?

  • Parlando di libri, un approfondimento sulla figura di Bill Tilden.

  • Tra le innovazioni regolamentari, un paio di riflessioni sui set a 4 e sul no-let.

Quadrifoglio Pouille, teste di serie e Fognini

Sposta