Martina attacca la BBC: «Mac pagato di più!»

La 59 volte campionessa Slam rivela di essere stata pagata molto meno del collega, tacciando il network britannico di maschilismo. Tuttavia, la risposta della BBC lascia spazio a poche interpretazioni: McEnroe è il volto di punta del progetto Wimbledon, ha 20 anni di "anzianità" in più, il dovere di esclusività e un contratto che lo impegna molto più della collega.
Martina attacca la BBC: «Mac pagato di più!»
0
Marco Caldara
19 marzo 2018

Nel tennis, la battaglia uomini-donne per la parità di montepremi è un capitolo quasi chiuso, visto che oggi i quattro Slam e buona parte dei tornei più importanti del mondo garantiscono a entrambi i sessi il medesimo prize money, ma non succede lo stesso in tutti gli sport, e nemmeno in buona parte dei mestieri. E così la questione è tornata a intrecciarsi anche con il mondo della racchetta per le recenti accuse di Martina Navratilova nei confronti della BBC, tacciata di essere un network maschilista per la differenza negli stipendi. Il nocciolo della questione riguarda l’enorme disparità fra le cifre incassate da John McEnroe e quelle incassate dalla stessa Navratilova per le loro collaborazioni per l’ultimo torneo di Wimbledon. Il vaso di Pandora è stato scoperchiato con la pubblicazione da parte dell’azienda dei salari dei dipendenti (96 in tutto) che in un anno guadagnano più di 150.000 sterline all’anno, stipendio del Primo Ministro britannico Theresa May. Nell’elenco è presente anche la leggenda statunitense, inserito nel gruppo di persone che hanno guadagnato nel 2017 una cifra che va dai 150.000 ai 199.000 sterline. Una scoperta che ha fatto imbestialire la Navratilova, pagata invece 15.000 sterline, un decimo (o anche meno) del collega. “È stato uno shock – ha detto – scoprire che John ha guadagnato almeno 150.000 sterline. Non mi è stata detta la verità, e siamo alle solite. La cosa peggiore è che una voce maschile sia valutata di più rispetto a quella di una donna”. La questione è tornata ad alzare un polverone sulla BBC, già nel mirino dai critici da tempo, visto che nella famosa lista di 96 super stipendi solo un terzo sono donne. Tuttavia, almeno in questo caso la differenza nei pagamenti è proporzionale all’utilizzo che il network fa delle due leggende, regolato da contratti di natura diversa e che richiedono impegni molto differenti.

Martina attacca la BBC: «Mac pagato di più!»

MCENROE FA MOLTE COSE IN PIÙ
Per prima cosa, il torneo del 2017 era il trentesimo di McEnroe al commento per la BBC, contro i dieci della Navratilova, dato che segna una differenza di “anzianità” che nei contratti lavorativi può assumere un’importanza enorme. In secondo luogo, i due hanno proprio due contratti differenti in base alla mansione che gli viene richiesta, e quello di McEnroe comprende il dovere di esclusività, come spiegato dalla BBC in un comunicato. “John – si legge nella nota – è sotto contratto a tempo pieno con noi per l’intera durata del torneo, durante il quale non può lavorare con nessun altro broadcaster britannico senza il permesso della BBC. Martina, invece, fa parte di un gruppo di collaboratori occasionali individuati per fornire un determinato numero di servizi. È stata pagata per ogni sua apparizione, e crediamo che la somma a lei dedicata rifletta la quantità di lavoro e il tempo che le vengono richiesti, oltre al suo livello di esperienza nel mondo televisivo”. Una differenza che si riflette anche in termini di mole di lavoro svolto, visto che gli incarichi dei due non sono affatto paragonabili. Insieme a Sue Barker, McEnroe è a tutti gli effetti il “volto” del canale nel corso del torneo: lo scorso anno ha commentato in diretta dodici incontri, ha condotto il classico studio con la Barker che va in onda più volte nel corso della stessa giornata, e in più ha lavorato con approfondimenti e show ai programmi di BBC Radio 5 Live. Le telecronache della Navratilova, invece, sono state solo tre, alle quali si aggiungono due apparizioni in studio e una manciata di approfondimenti. Ne emerge una differenza di richiesta enorme, sufficiente a giustificare la disparità negli stipendi. Magari un rapporto 10 a 1 è un tantino eccessivo, ma quella è una decisione che spetta all’azienda in base al “peso” della figura, indipendentemente dal sesso. Se la presenza di McEnroe è ritenuta determinante, è normale che il suo stipendio sia parecchio superiore. È la legge del mercato, il maschilismo non c'entra nulla.

Martina attacca la BBC: «Mac pagato di più!»

Sposta