BANDA ROSSA

Il tennis dice addio a Jana Novotna, aveva 49 anni

0

Pioggia e tifoni non fermano la Pavlyuchenkova

Era l'1 di notte quando Anastasia Pavlyuchenkova si è aggiudicata il torneo di Hong Kong. Un tifone che ha colpito la zona ha tardato la finale contro Daria Gavrilova, durata oltre 3 ore. Sotto 3-1 nel tie-break decisivo, ha raccolto sei punti consecutivi e si è aggiudicata il terzo titolo stagionale.
Pioggia e tifoni non fermano la Pavlyuchenkova
0
Riccardo Bisti
16 ottobre 2017

Le condizioni meteo l'hanno messa a dura prova, ma alla fine Anastasia Pavlyuchenkova è stata premiata: si è imposta al torneo di Hong Kong battendo Daria Gavrilova, domata soltanto al tie-break decisivo. Dopo oltre tre ore di battaglia, il match è terminato quando a Hong Kong era ormai l'1 di notte. “Sono incredibilmente stanca!” ha esclamato la russa con il trofeo tra le mani, il terzo della sua stagione dopo Monterrey e Rabat. A causa di un violento tifone, Hong Kong è stata colpita da numerose precipitazioni. Lo stress per l'attesa ha prodotto un match così così, pieno di errori. Alla fine saranno 103, di cui 62 della vincitrice. Ma ciò che conta è il punteggio: alla fine, il tabellone elettronico recitava 5-7 6-3 7-6 per la Pavlyuchenkova. “Non è facile giocare un match del genere, soprattutto sul piano mentale – ha detto la russa – questa mattina non sapevamo neanche se il match si sarebbe giocato. Ma era una finale, quindi mi sono limitata a dare tutto quello che avevo”. A ben vedere, le due mettono in mostra un vivo contrasto di stili: la potenza della Pavlyuchenkova contro la rapidità della Gavrilova. Sotto 4-1, l'australiana si è aggiudicata 6 dei successivi 7 game. Perso il primo set, la russa ha alzato il rendimento al servizio ed è stata ancora più aggressiva in risposta, approfittando delle pessime percentuali della Gavrilova (appena il 33% di prime palle).

Pioggia e tifoni non fermano la Pavlyuchenkova

ADESSO MOSCA, POI ZHUHAI
Il terzo set è stato battaglia pura, un'altalena emozionale: dal 2-2, le due si sono trascinate fino al tie-break con otto break consecutivi. La Pavlyuchenkova andava avanti, ma veniva puntualmente riacchiappata. Ha anche sciupato due matchpoint sul 5-4, il primo con un doppio fallo e il secondo con un brutto rovescio in rete. Altri due errori rimettevano in partita l'australiana. Come se non bastasse, nel game successivo c'è stato uno stop per pioggia, durato oltre mezz'ora. Quando il rinvio a lunedì sembrava ormai certo, ha smesso di piovere e le due sono tornate in campo a mezzanotte inoltrata. Nell'inevitabile tie-break, la Gavrilova è stata avanti 3-1, ma quando l'impresa sembrava ormai compiuta la Pavlychenkova ha raccolto ben sei punti consecutivi. Un dritto vincente la portava a matchpoint, un altro sulla riga costringeva l'avversaria all'errore. Le due saranno in gara alla Kremlin Cup di Mosca, dove in teoria potrebbero affrontarsi in semifinale. Per la russa, ovviamente, sarà un torneo speciale. “Farò del mio meglio per recuperare in vista del primo turno di martedì, ci tengo a fare bene nel torneo di casa”. Con questo successo (il numero 11 in carriera), è salita al numero 21 WTA ed è comunque certa di partecipare al WTA Elite Trophy di Zhuhai, il Masters B che chiuderà la stagione.

WTA INTERNATIONAL HONG KONG – Finale
Anastasia Pavlyuchenkova (RUS) b. Daria Gavrilova (AUS) 5-7 6-3 7-6

Sposta