BANDA ROSSA

WTA Dubai: finale Kasatkina-Svitolina (Ore 16, diretta ST)

0

La “mente di Conchita” al servizio di Garbine

La collaborazione occasionale tra Garbine Muguruza e Conchita Martinez diventa una partnership strutturata e continuativa. “In un ambiente competitivo come il tennis, è difficile trovare una persona così capace con cui andare d'accordo” ha detto Garbine, impegnata al Premier 5 di Doha. Per adesso, Sam Sumyk rimane al suo posto.
La “mente di Conchita” al servizio di Garbine
0
Riccardo Bisti
14 febbraio 2018

Con il Rosewater Dish tra le mani, Garbine Muguruza aveva ricordato i meriti di coach Sam Sumyk, nonostante la sua assenza durante la campagna vincente a Wimbledon. Sembrava quasi che volesse sminuire il lavoro di Conchita Martinez, con lei a Londra e all'epoca capitano di Davis e Fed Cup. Con i fatti, tuttavia, sta dimostrando di ritenere Conchita una pedina importante del suo team. Con il Premier Five di Doha, infatti, è partita una collaborazione ufficiale: la Martinez affiancherà Sumyk come coach di supporto. L'avventura è partita con un successo di routine su Ying Ying Duan. “Per me è una nuova esperienza – ha detto la Muguruza – conosco Conchita sin da quando ero piccola e lei è sempre stata un po' nell'ombra, aiutandomi qua e là. Ovviamente era a Wimbledon, dove mi ha accompagnato nel mio successo più importante”. Vincitrice ai Championships nel 1994, l'anno dopo Conchita è salita al numero 2 del mondo. Con un palmares di 33 titoli, ha guidato la Fed Cup spagnola per cinque stagioni, dal 2013 al 2017. Non appena la RFET l'ha silurata (e non è stata una separazione indolore), Garbine l'ha contattata. “Siamo sempre andate d'accordo e ho pensato che sarebbe stata una buona idea averla con me. Voglio condividere di più e vivere questa esperienza. Il mio coach principale continuerà ad essere Sam, ma penso che sarà interessante”.

La “mente di Conchita” al servizio di Garbine

LA “MENTE DI CONCHITA”
A ben vedere, l'inserimento di Conchita assomiglia a una semi-bocciatura per Sam Sumyk. D'altra parte, il suo rapporto con la Muguruza è da sempre di alti e bassi. Tante vittorie, certo, ma anche qualche momento di tensione: su tutti, l'alterco di un anno fa durante un cambio di campo a Miami. La Muguruza ha individuato la qualità principale della Martinez. “Penso che sia una persona molto calma. Inoltre ha grande esperienza. Non è facile trovare qualcuno come lei: in un ambiente competitivo come il tennis è dura trovare una persona valida con cui andare d'accordo. Sento di avere un gran team, con uno dei migliori coach del mondo. Adesso si è aggiunta la 'mente di Conchita'. Penso che sia un'ottima soluzione”. L'inizio del 2018 è stato pessimo, con una brutta uscita di scena al secondo turno dell'Australian Open. Per uscirne, Garbine ha scelto di non prendersi pause: “Sono subito rientrata in Svizzera (dove risiede, ndr) e sono tornata rapidamente sul campo. Ho giocato molto a tennis, volevo dimenticare come sono andati i primi tornei e sentivo di voler passare molte ore ad allenarmi”. Terapia d'urto, verrebbe da dire. L'impatto è stato discreto, anche se il suo bilancio stagionale parla ancora di 3 vittorie e 3 sconfitte. A Doha non è mai andata oltre i quarti, raggiunti nel 2016. Quest'anno punta a fare meglio: insieme a Caroline Garcia è l'unica giocatrice già negli ottavi. Tornerà in campo giovedì contro la vincente di Mertens-Cirstea.

WTA PREMIER FIVE DOHA – IL TABELLONE

La “mente di Conchita” al servizio di Garbine

Sposta