LA (DURA) PREPARAZIONE DI STAKANOV THIEM

Il finalista del Roland Garros, celebre per i suoi duri allenamenti alla guida di Günter Bresnik, ha filmato una sua giornata di preparazione invernale a Tenerife. Tra corse, esercizi fisici, cesti e match con Ernests Gulbis
LA (DURA) PREPARAZIONE DI STAKANOV THIEM
0
Redazione
13 dicembre 2018

Lo chiamano Stakanov, perché ama allenarsi e giocare tornei senza sosta (tranne una breve vacanza alle Maldive con la fidanzata, Krstina Mladenovic: come non capirlo?). Per riuscirci, è fondamentale prepararsi adeguatamente nella pre-season. La location scelta è la bella isola di Tenerife, dove anche a dicembre ci si allena all’aperto e in compagnia di altri ottimi giocatori come Ernestes Gulbis, Dennis Novak e Sebastian Ofner, e sotto la guida del sergente di ferro, Günter Bresnik e di preparatori atletici.

La sveglia scatta alle 7.15, breve corsa mattutina come warm-up e poi un’abbondante colazione. Quindi altri esercizi di attivazione atletica e poi la prima sessione in campo. Da notare che, come spiegano tanti coach, per riprendere fiducia nei colpi e aggiustare qualche piccolo dettaglio, si lavora molto al cesto anche a questo livello, con esercizi piuttosto semplici.

Così si arriva all’ora del pranzo e a una pausa rilassante di ben… trenta minuti! Poi di nuovo preparazione atletica (da notare che viene svolta open air, senza pesi e attrezzi, anche se pure questi vengono utilizzati ma in maniera attenta e senza esagerazioni) e seconda sessione in campo con esercizi che entrano nel dettaglio di qualche schema particolare (e si vede che a rete Thiem può ancora migliorare molto!) e match finale.

Tutto finito? Finalmente ci si può riposare? Macché. La sessione di allenamento si chiude con un’altra corsa collettiva, con tutte le misurazioni del caso (VO2 max, battito cardiaco, etc). Thiem ha cominciato all’alba, smette mostrando un bellissimo tramonto. Così per circa sei settimane, in modo da farsi trovare pronto per l’inizio della stagione e il primo Slam, a Melbourne.


Sposta