Riccardo Bisti - 17 luglio 2018

Il coach che sa come battere Serena Williams

Nella sua giovane carriera, già molto brillante, Wim Fissette ha trovato la chiave per battere Serena Williams con quasi tutte le sue giocatrici. Il segreto? Non cercare i punti deboli di Serena, ma concentrarsi sui punti forti delle sue allieve. Con il suo aiuto, la carriera di Angelique Kerber è rifiorita. Fino al miracolo di Wimbledon.

Chi lo apprezza, sostiene che sia uno dei migliori coach in circolazione. Tutti gli altri, sono costretti ad ammettere che “non ha fatto danni” con le varie giocatrici allenate. Qualche giorno fa, dopo esserci andato vicino in più occasioni, Wim Fissette ha sollevato il Rosewater Dish, piatto destinato alla vincitrice di Wimbledon. I britannici speravano di vedere la scena dodici mesi fa, quando era all'angolo di Johanna Konta. L'ha spinta fino in semifinale, ma poi il percorso si è interrotto contro Venus Williams. A fine anno, imitando diverse colleghe che l'avevano preceduta, la Konta ha messo fine alla collaborazione, nonostante il coach belga l'avesse portata al numero 4 WTA. Non è rimasto a spasso: tempo pochi giorni ed è arrivata la chiamata di Angelique Kerber. I risultati stanno dando ragione a Fissette e alla sua metodologia di lavoro: il nuovo ranking WTA vede Johanna Konta al numero 50 (non era così indietro da tre anni), mentre la Kerber è risalita al numero 4. Quando ha iniziato con Fissette, era fuori dalle prime 20. Fresca del trionfo londinese, la tedesca ha raccontato alcuni dettagli del lavoro con Fissette. “Quando abbiamo iniziato a lavorare insieme, gli ho subito detto che mi sarebbe piaciuto cambiare il servizio – racconta la Kerber – sapevo che avrei dovuto migliorarlo, soprattutto nelle partite importanti, in cui mi capitava di servire troppo piano. Allora abbiamo cambiato la tecnica e ho aggiunto un po' di sicurezza alla seconda palla. Più in generale, stiamo provando a migliorare il mio gioco, rendendolo più aggressivo”. Fissette era stato buon profeta: tre mesi fa, diceva che presto si sarebbe rivista la miglior Kerber. "E per miglior Kerber intendo top-5 WTA e favorita per vincere gli Slam": Detto, fatto. La finale di Wimbledon ha messo di fronte due tra i migliori coach in circolazione: il fatto che Serena Williams avesse invitato il loquace Patrick Mouratoglou a non parlare con i giornalisti ha permesso a Fissette di avere una maggiore esposizione mediatica, anche se si tratta di un tipo tranquillo. L'apparenza gli interessa il giusto.

5-5 CONTRO SERENA
Interrotta ben presto l'attività agonistica (non è mai stato tra i top-1000 ATP), ha iniziato come sparring partner di Kim Clijsters. Qualche anno dopo, è stato “promosso” a coach quando la belga è tornata dopo la maternità. Insieme, hanno conquistato tre tornei del Grande Slam. Inoltre ha fatto buone cose con le altre giocatrici allenate: Sabine Lisicki (portata in finale a Wimbledon), Simona Halep (nel 2014 ha vissuto una delle sue migliori stagioni) e Victoria Azarenka, tornata più che competitiva. La partnership con la bielorussa si è fermata soltanto per i problemi extratennistici di Vika. Per questo, la Kerber ha scelto lui per rilanciarsi. E i numeri sono dalla sua parte: rispetto alla finale di due anni fa, persa contro la stessa Williams, il suo servizio viaggiava a circa 10 km/h in più. Inoltre, il 29% dei suoi servizi le ha dato il punto diretto, con un incremento del 18% rispetto all'anno scorso. “Mi ritengo fortunato ad aver lavorato con alcune delle migliori giocatrici – ha detto Fissette – con ogni tennista hai un obiettivo diverso. Con Angie, sapevo che sarebbe stato più complicato vincere il Roland Garros. E sapevo che avrebbe avuto le sue chance a Wimbledon. Con il tanto lavoro svolto, questa vittoria è una grande soddisfazione. Abbiamo creato un progetto, ci abbiamo creduto e scelto le persone giuste”. Tra i vari successi, Fissette ne vanta uno davvero curioso: le sue giocatrici vantano uno straordinario bilancio di 5 vittorie e 5 sconfitte contro Serena Williams. “In effetti ne sono molto orgoglioso”. Quando gli hanno chiesto il segreto, ha dato una risposta interessante. Più che cercare a tutti i costi il punto debole di Serena, è meglio focalizzarsi sulle proprie qualità. “Cerco di mostrare alcuni filmati in cui provo a concentrarmi sui punti di forza delle mie giocatrici, in modo che siano convinte del loro piano tattico e che possano portarlo a termine. Però sono stato fortunato ad allenare alcune delle giocatrici più forti: sappiamo quanto sia difficile battere Serena”. Mai perdere di vista l'umiltà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA