Redazione - 04 gennaio 2019

I SOLITI SOSPETTI?

L’olandese Gijs Brouwer ha commesso quattro doppi falli consecutivi nel challenger di Orlando, senza averne commesso alcuno prima. Solo un gesto tecnico che entra in crisi? C’è chi sospetta ben altro ma l’ipotesi tennis-scommesse appare inverosimile.
Gijs Brouwer, 22 anni, olandese nato negli States, ha commesso quattro doppi falli consecutivi

Gijs Brouwer è un ragazzo olandese di 22 anni, nato a Houston, mancino, numero 496 ATP. Uno dei tanti journeymen del circuito, con 46.000 dollari lordi guadagnati fin qui in carriera. Stava giocando al torneo ATP Challenger di Orlando contro Ulises Blanch, un ragazzotto americano che impressionò l’anno scorso a Perugia, quando vinse il Challenger partendo dalle qualificazioni e sconfiggendo in finale Gianluigi Quinzi.Brouwer era avanti di un set e sotto 4-3 nel secondo, quando ha compiuto la straordinaria impresa di auto-brekkarsi, commettendo quattro doppi falli consecutivi e cedendo per la prima volta nel match la battuta, alla prima palla break del set. Lui che, dall’alto dei suoi 191 centimetri, dovrebbe avere nel servizio uno dei suoi punti di forza (sic).

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELL'AUTO-BREAK

Brouwer ha poi perso set e partita (3-6 6-3 6-3). Al termine della sciagurata performance, ha trovato il modo di sorridere, anche se molti appassionati, sui ‘sti benedetti social network, hanno cominciato ad alimentare i sospetti che si sia trattato di un gesto volontario. Fatto peraltro poco probabile: se il giovane olandese avesse deciso di perdere appositamente quel game, poteva infatti trovare tante altre soluzioni meno mediatiche. Resta solo un video che avrà fatto sorridere anche tanti giocatori di club, che forse ora si sentono meno soli ricordando certe loro prodezze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA