LA KRYPTONITE DI RAFA

LA KRYPTONITE DI RAFA

Marco Imarisio sul Corriere della Sera spiega senza (inutili) considerazioni sull’aspetto mentale, perché Rafael Nadal soffre così tanto Novak Djokovic. E la questione è puramente di livello tecnico-tattico

CECCHINATO: «DOPO PARIGI MI SENTIVO IMBATTIBILE! »

CECCHINATO: «DOPO PARIGI MI SENTIVO IMBATTIBILE! »

È la grande novità del tennis azzurro, capace di arrivare in semifinale a Roland Garros e far innamorare gli appassionati grazie a un tennis diverso e a un colpo in particolare: la smorzata alla Cecchinato. Ci ha raccontato sogni, paure e ambizioni di chi è ripartito dalle retrovie e adesso ha obiettivi importanti

Piqué all’Équipe: «Non c’è nessuna battaglia di ego tra me e Federer». E sulla nuova Coppa Davis…

Piqué all’Équipe: «Non c’è nessuna battaglia di ego tra me e Federer». E sulla nuova Coppa Davis…

L’Équipe Magazine ha realizzato una bella intervista al calciatore del Barcellona, coinvolto nella nuova formula della Coppa Davis. Che ha parlato del suo rapporto col tennis, dei rapporti tesi con Federer, di Novak Djokovic…

CRAIG O'SHANNESSY: AL SERVIZIO DI ROBONOLE

CRAIG O'SHANNESSY: AL SERVIZIO DI ROBONOLE

Australiano di base in Texas, è entrato nel team Djokovic come Strategy Analyst. In buona sostanza, grazie al programma Dartfish, seleziona ogni aspetto tattico di migliaia di match ed è in grado di aiutare un giocatore a sviluppare la tattica ideale. «E se Federer avesse lavorato con me, ora sarebbe avanti nei confronti diretti con Nadal»

Le vacanze (di lusso) dei top players

Le vacanze (di lusso) dei top players

Anche per i top players è stato tempo di vacanze, al termine di una lunga stagione: ecco le immagini più belle postate nei loro profili Instagram: da Genie Bouchard a Sascha Zverev (con nuova fidanzata), da Caroline Wozniacki a Fognini& Pennetta e Mladenovic&Thiem. vacanze al top per i top players

Djokovic e quella regola da boicottare

Djokovic e quella regola da boicottare

Frederik Rosengren, coach di Kyle Edmund, rivela che il suo giocatore ha ricevuto una mail da Novak Djokovic in qualità di presidente del Players Council. “Chiede che venga abolita la norma che obbliga a giocare in Davis per partecipare alle Olimpiadi. Nessun giocatore si è espresso positivamente sulla nuova competizione”.

Sascha è in linea con i Fab Four (per adesso...)

Sascha è in linea con i Fab Four (per adesso...)

Un'interessante studio statistico rivela che Alexander Zverev ha numeri non troppo diversi rispetto a quelli di Federer, Nadal, Djokovic e Murray quando avevano la sua età. Il record di precocità spetta a Nadal, mentre Federer ha effettuato il salto di qualità più tardi di tutti. I dati di Zverev assomigliano a quelli di Djokovic, ma deve crescere negli Slam.

Sascha Zverev brucia i tempi: è Maestro a 21 anni

Sascha Zverev brucia i tempi: è Maestro a 21 anni

Una partita impeccabile, soprattutto sul piano della personalità, permette ad Alexander Zverev di interrompere la serie positiva di Djokovic: il tedesco è il più giovane vincitore del Masters dai tempi dello stesso Djokovic, e il primo tedesco dopo Boris Becker. Si è definitivamente consacrato tra i grandi: adesso manca solo il “botto” in uno Slam.

Super Djokovic: il sesto Masters è a un passo

Super Djokovic: il sesto Masters è a un passo

Bastano 75 minuti a Novak Djokovic per sbarazzarsi di Kevin Anderson, e conquistare la sua settima finale alle ATP Finals. Ne ha vinte cinque, e andrà a caccia del record contro Zverev, al quale quattro giorni fa ha lasciato appena cinque game. Da allora il tedesco è salito di livello, fino a sorprendere Federer, ma per battere questo Djokovic serve molto di più.

"Nole" imbattuto... ma chi lo può battere?

"Nole" imbattuto... ma chi lo può battere?

Djokovic supera Cilic e chiude il Gruppo Kuerten da imbattuto, confermando di essere in condizioni strepitose. Per batterlo a Kevin Anderson servirà un'impresa, idem (o quasi) allo Zverev visto sin qui per superare Federer. I tifosi assaporano già la miglior finale possibile, augurandosi un duello scoppiettante come quello di Parigi-Bercy. E magari un vincitore diverso: per Federer sarebbe il titolo n.100.

“Coppa Davis e World Team Cup? Non è sostenibile”

“Coppa Davis e World Team Cup? Non è sostenibile”

Novak Djokovic domina sul campo, ma ha le idee meno chiare per il futuro. In particolare, è preoccupato per l'imminente dualismo tra Coppa Davis e World Team Cup. “Tutti vorrebbero un evento unico: dovremmo muoverci in quel senso”. Però non propone possibili soluzioni e “difende” la Laver Cup. Cancellata l'esibizione con Nadal in Arabia Saudita.

Gli altri arrancano, "Nole" va come un treno

Gli altri arrancano, "Nole" va come un treno

Altra prestazione maiuscola di Novak Djokovic alle ATP Finals: il numero uno del mondo lascia cinque game a uno Zverev che si spegne dopo un set, e ipoteca il passaggio in semifinale. Non c'è ancora la certezza matematica, ma viste le condizioni di "Nole" sembra un dettaglio. Il record di sei titoli di Federer alle Finals è nel mirino.

La "deriva" dei privilegi di Roger Federer

La "deriva" dei privilegi di Roger Federer

Un intervento radiofonico di Julien Benneteau diventa il caso del giorno: il francese ha elencato una serie di privilegi avuti da Roger Federer negli ultimi due anni, soprattutto in termini di programmazione. Gli Slam, in particolare, lo fanno sempre giocare nelle condizioni migliori a discapito degli altri. Il presunto conflitto d'interesse legato alla Laver Cup.

UFO Djokovic disinnesca il servizio di Isner

UFO Djokovic disinnesca il servizio di Isner

Con un impressionante 36% di punti vinti sulla prima di John Isner, il numero 1 ATP si presenta al Masters. Vince in due set giocando un match perfetto e sembra avere un grosso margine sul resto del gruppo. Già premiato come numero 1 stagionale, ha raccolto il 50esimo successo nel 2018.

A Djokovic il "bentornato" dei colleghi

A Djokovic il "bentornato" dei colleghi

Djokovic fa doppietta negli ATP Award: oltre al premio di n.1 di fine anno, il serbo viene (giustamente) votato dai colleghi per il "Comeback of the Year". A Tsitsipas e De Minaur i premi "most improved" e "newcomer". Federer resta il preferito dei fans, per il 16° anno consecutivo. Tornei: i migliori (per categoria) sono Indian Wells, Queen's e Stoccolma.

Chi potrà insidiare Djokovic e Federer?

Chi potrà insidiare Djokovic e Federer?

Sorteggiati i gironi delle ATP Finals, denominati in onore dei primi vincitori del nuovo millennio: Gustavo Kuerten e Lleyton Hewitt. Nonostante i precedenti, Federer sembra leggermente più fortunato di Djokovic. Ad ogni modo, sia lo svizzero che il serbo hanno un buon margine sugli inseguitori. Potenziale bagarre per gli altri posti qualificazione.

Super Khachanov: Djokovic si può battere

Super Khachanov: Djokovic si può battere

Capolavoro di Karen Khachanov a Bercy: il russo sfodera un match perfetto, e approfittando di un Djokovic falloso e affaticato conquista il suo primo Masters 1000. La sorpresa dà continuità alla tradizione di un torneo piuttosto aperto agli outsider, ma nel caso del 22enne moscovita sembra tutto meno che un exploit estemporaneo.

Federer lotta tre ore, ma Djokovic ne ha di più

Federer lotta tre ore, ma Djokovic ne ha di più

Spettacolo e pathos nella 47esima sfida in carriera fra Novak Djokovic e Roger Federer. I due si danno battaglia per oltre 3 ore, con lo svizzero che cancella dodici palle-break e dà l'impressione di potercela fare, ma nel finale la maggiore freschezza di Djokovic fa la differenza. "Nole" ha vinto le ultime 22 partite: sembra tornato imbattibile.

Che sabato: ancora Djokovic-Federer!

Che sabato: ancora Djokovic-Federer!

Novak e Roger fanno il loro dovere e regalano a Parigi Bercy il 47esimo scontro diretto di una saga infinita. Nonostante una lieve influenza, il serbo batte in rimonta Marin Cilic e allunga la striscia vincente a 21 partite. Federer è impeccabile contro Nishikori, ma è consapevole di essere sfavorito. Entrambi sono a due vittorie da un successo dal vivo valore statistico.

Nadal rinuncia a Bercy, Djokovic tornerà n.1

Nadal rinuncia a Bercy, Djokovic tornerà n.1

Pioggia di ritiri in serie a Parigi: Nadal decide di rinunciare al torneo per un problema agli addominali, e consegna il numero uno del mondo a Novak Djokovic, di nuovo al comando del ranking da lunedì 5 novembre. I forfait aiutano anche Federer e Fognini: Raonic e Fucsovics si ritirano, quindi Roger e Fabio partiranno dagli ottavi. Uno contro l’altro.

Rafa tra Maiorca e l'esibizione incriminata

Rafa tra Maiorca e l'esibizione incriminata

Impegnato a Parigi Bercy, dove proverà a difendere il n.1 ATP, Rafael Nadal ricorda gli attimi delle inondazioni che hanno causato 13 vittime a Maiorca. “Conoscevo la mamma e il bambino travolti dall'acqua mentre erano in macchina”. Organizzerà un'esibizione benefica, mentre ci sono forti dubbi sul match con Djokovic previsto in Arabia Saudita.

Un grande torneo per le ultime sentenze

Un grande torneo per le ultime sentenze

Tabellone fantastico e tanti obiettivi in palio a Parigi Bercy: Nadal e Djokovic si daranno battaglia per il numero 1 ATP, mentre impazza la battaglia per gli ultimi posti al Masters. Per l'Italia ci saranno Fognini e Cecchinato. Grandi match sin dal primo turno: Jack Sock rischia di uscire addirittura dai top-100.

Djokovic e quei (vecchi) cattivi pensieri

Djokovic e quei (vecchi) cattivi pensieri

Ospite del noto talk show “Da Mozda Ne”, il serbo ha toccato diversi argomenti, rivelando di aver pensato al ritiro dopo le sconfitte a Indian Wells e Miami. “Chi mi stava vicino è rimasto scioccato, ma non ero sicuro di quello che dicevo”. Ha poi spiegato perché si sente così vicino ai croati, al punto da sostenerli nella finale dei Mondiali.

Nadal, Djokovic e quell'esibizione in Arabia Saudita...

Nadal, Djokovic e quell'esibizione in Arabia Saudita...

Scoppia un caso politico: il prossimo 22 dicembre, Rafael Nadal e Novak Djokovic dovrebbero giocare un'esibizione in Arabia Saudita, paese nell'occhio del ciclone per la recente scomparsa del giornalista dissidente Jamal Khashoggi, che sarebbe stato torturato e ucciso nell'ambasciata saudita ad Ankara.

Novak Djokovic e quel torneo in più da giocare

Novak Djokovic e quel torneo in più da giocare

Il serbo sta pensando se giocare Vienna o Basilea prima di Parigi Bercy: potrebbe intascare punti preziosi per chiudere l'anno al numero 1 ATP. “Deciderò a breve, dopo aver parlato col mio team”. Giovedì giocherà un'esibizione con Stepanek a Praga, che si trova a poco più di 300 km da Vienna...