LORENZO MUSETTI, L'ENFANT PRODIGE / PARTE II

LORENZO MUSETTI, L'ENFANT PRODIGE / PARTE II

La seconda e ultima parte dell'intervista a Lorenzo Musetti, 16 anni, finalista allo US Open junior e grande promessa del tennis azzurro. Gran talento con uno stile notevole e una mentalità già da professionista. Ha cominciato nello scantinato della nonna e adesso punta molto in alto.

Nomi e volti: c'è anche l'Italia tra i responsabili

Nomi e volti: c'è anche l'Italia tra i responsabili

Dirk Hordorff fa crollare il muro di segretezza sulle scelte delle federazioni più influenti: all'assemblea di Orlando, il 71,57% dei voti permise di sgretolare la Coppa Davis. La notizia più dolorosa è che tra i responsabili c'è anche l'Italia: la delegata Luisanna Fodde ha votato sì. Gli indizi erano evidenti, ma averne la certezza è una grossa delusione.

Torino, ecco perché hai le tue chance

Torino, ecco perché hai le tue chance

È andata bene la presentazione del progetto “Torino City Lab”, candidatura della città sabauda a ospitare le ATP Finals dal 2021. La bellezza della città e la qualità dell'impianto giocano a favore, ma altre città sono più attrezzate sul piano economico. Punti forti e incognite del sogno torinese.

Le misteriose dimissioni di Giudicelli

Le misteriose dimissioni di Giudicelli

Nonostante l'ITF lo avesse salvato, il presidente FFT si dimette da ogni incarico. Due mesi fa era stato approvato un emendamento per mantenerlo in sella e aveva potuto contribuire alla riforma della Davis. L'Equipe ha scritto della vicenda, ricordando anche l'atteggiamento della FIT all'Assemblea di Orlando.

Camila Giorgi e la statistica Salva-Italia

Camila Giorgi e la statistica Salva-Italia

Vincendo il torneo di Linz, Camila Giorgi ha evitato che l'Italia vivesse un'intera stagione senza intascare titoli WTA: l'ultima volta è accaduto nel 1999. In attesa del rientro di Sara Errani, l'italoargentina è l'unica in grado di essere competitiva a certi livelli: nel 2018, tutte le nostre migliori giovani hanno peggiorato il loro ranking.

Next Gen Italia, un torneo che si poteva evitare

Next Gen Italia, un torneo che si poteva evitare

Anche nel 2018 si giocheranno le qualificazioni per stabilire la wild card italiana alle Next Gen Finals. Il caso Berrettini dello scorso anno non ha fatto capire che dovrebbe essere premiato il più meritevole nel corso dell'anno. Quest'anno, Gian Marco Moroni ha fatto più punti del secondo e del terzo messi insieme...

Il pasticciaccio brutto di San Giorgio Jonico

Il pasticciaccio brutto di San Giorgio Jonico

Il circolo in cui è cresciuto Thomas Fabbiano è sotto sequestro per le lamentele di alcuni residenti, infastiditi dalla polvere della terra rossa. L'iter burocratico va avanti da un anno e mezzo: nel frattempo, si è sgretolata la base sociale. Non c'è più niente, neanche telefono ed energia elettrica. Ma non manca la speranza.

Buon viaggio e grazie di tutto, Francesca

Buon viaggio e grazie di tutto, Francesca

Una conferenza stampa durante lo Us Open sancisce l'addio di Francesca Schiavone. “Ci pensavo da 3-4 mesi, nelle ultime settimane ho capito che era il momento”. Prima italiana a vincere uno Slam, ha vissuto una carriera infinita e di successo. Con un carattere ruspante, mostrato fino alla fine. Adesso allena alcuni ragazzini a Miami e sta “studiando” da coach.

La FIT sta cercando una sede da 3.200 mq

La FIT sta cercando una sede da 3.200 mq

La Federazione Italiana Tennis sta cercando una sede. Angelo Binaghi ci aveva spiegato le ragioni due anni fa. La struttura dovrà misurare 3.200 mq e ospiterà gli studi di SuperTennis. Si tratta di una spesa sostenibile, ma c'è l'augurio che arrivino investimenti altrettanto importanti per il Settore Tecnico.

Italia, lo hai fatto per davvero?

Italia, lo hai fatto per davvero?

Fonti provenienti da Orlando sostengono che la FIT abbia ceduto i suoi 9 voti al fronte del “sì” dopo aver negoziato i diritti TV della nuova Davis su SuperTennis (peraltro subito ufficializzati fino al 2021). Gli indizi portano tutti in quella direzione: fosse vero, sarebbe molto deludente. Anche perché sarebbe bastato poco...

«La Giustizia deve restare "cosa" delle Federazioni»

«La Giustizia deve restare "cosa" delle Federazioni»

Pesanti affermazioni di Enrico Cataldi: l'ex Generale dei Carabinieri si dimette dal ruolo di Procuratore Generale dello Sport, affermando che non c'è spazio per figure al di sopra delle parti. La giustizia sportiva propone qualche paletto in più, ma rimane la bruttura peggiore: c'è troppo potere per i Consigli Federali.

Pace raggiunta: Giorgi e FIT di nuovo insieme

Pace raggiunta: Giorgi e FIT di nuovo insieme

A due anni dalla rottura, Camila Giorgi torna in orbita FIT. I segnali di riavvicinamento sono stati confermati da una nota ufficiale: “Ho capito di aver sbagliato” dice la giocatrice. “Malintesi risolti, Camila è un patrimonio del nostro tennis” replica Binaghi. Mesi fa era fallito un tentativo di riavvicinamento, ma le parti sembravano troppo distanti. Saranno risolte “a breve” le vertenze nate negli ultimi mesi.

Camila Giorgi OK, pace in vista con la FIT

Camila Giorgi OK, pace in vista con la FIT

L'italoargentina vince senza patemi contro una Deborah Chiesa un po' acciaccata, ma la vera notizia arriva da fuori dal campo: il riavvicinamento con la FIT, soltanto sussurrato nelle ultime settimane, sembra sempre più concreto. L'azzurra parla a SuperTennis e papà Sergio dice: “Qualcosa succederà, secondo me. Qualcosa di positivo”.

Roma, spunta la norma Salva-Schiavone!

Roma, spunta la norma Salva-Schiavone!

A meno di una settimana dal torneo, arriva una wild card per Francesca Schiavone: vi spieghiamo come è stato possibile inserire un invito addizionale, giustamente tributato alla milanese in un gesto di possibile distensione. Per lei e Roberta Vinci sarà un'emozionante passerella. Quest'anno Francesca non ha ancora vinto un match.

Vince il Codacons: niente tennis in Piazza del Popolo

Vince il Codacons: niente tennis in Piazza del Popolo

Le sovrintendenze negano l'allestimento di un campo da tennis in Piazza del Popolo, dove si sarebbero giocati alcuni match delle pre-qualificazioni. È una vittoria del Codacons, duramente contrario all'iniziativa. Le motivazioni del diniego, tuttavia, non convincono. Come si può paragonare un campo da tennis ai fatti di Piazza San Carlo?

L'intervista a Mocci e l'Ufficio Stampa FIT

L'intervista a Mocci e l'Ufficio Stampa FIT

A seguito della pubblicazione di un'intervista di Federico Ferrero a Stefano Mocci, in cui si era parlato (anche) del periodo in cui era seguito da Angelo Binaghi, l'Ufficio Stampa FIT ci ha fatto pervenire una lettera in cui venivano contestati alcuni passaggi dell'articolo. L'abbiamo già pubblicata sulla rivista: la riproponiamo qui, con la risposta dell'autore.

Codacons insiste: scriveremo all'UNESCO

Codacons insiste: scriveremo all'UNESCO

Prosegue la battaglia per la realizzazione di un campo da tennis in Piazza del Popolo, in cui si giocheranno alcuni match delle pre-quali. Dopo la rivelazione FIT della richiesta di accredito per conto del figlio del presidente, il Codacons insiste: prima dimostra di essersi già schierato contro il campo nel 2016 e promette nuove denunce. “Scriveremo anche all'UNESCO”.

Piazza del Popolo: diatriba CODACONS – FIT

Piazza del Popolo: diatriba CODACONS – FIT

La nota associazione a tutela dei consumatori si scaglia contro l'idea di far giocare le pre-qualificazioni nella nota piazza romana. La FIT replica in modo pungente, raccontando una storia di accrediti rifiutati. Le affermazioni di Rienzi non sono condivisibili: giocare in Piazza del Popolo è una bella idea, e si fa da tre anni. Perché solo adesso diventa “aberrante”?

La proposta: e se Mamma FIT...

La proposta: e se Mamma FIT...

L'inchiesta sui costi di avvicinamento al tennis ha evidenziato quanto sia costoso, per una famiglia, finanziare un progetto tecnico che ha pochissime chance di riuscita. Soluzioni? Con l'ausilio di tecnici preparati, la FIT potrebbe sovvenzionare la crescita dei migliori salvo poi ottenere una percentuale dei loro montepremi.

Giorgi, FIT, Fed Cup: la telenovela continua

Giorgi, FIT, Fed Cup: la telenovela continua

Nel giorno delle convocazioni per Italia-Spagna, si scopre che negli ultimi mesi c'era stato un tentativo di riavvicinamento tra le parti. La trattativa si sarebbe arenata, e le recenti notizie provenienti dagli studi legali e dal Collegio Arbitrale hanno decretato un ulteriore raffreddamento. Anziché a Chieti, le parti si ritroveranno al TAR.

L'articolo 86 del Regolamento di Giustizia

L'articolo 86 del Regolamento di Giustizia

A quasi tre anni dalla ratifica del Codice di Giustiza CONI, il Regolamento di Giustizia FIT ne recepisce le indicazioni: gli organi di stampa potranno assistere alle udienze su illeciti sportivi e in casi di “particolare interesse pubblico”. È una grande notizia: non ci saranno più situazioni come quelle del caso Bracciali-Starace. Importanti novità nell'impiantistica per A1 e A2.

Selamat datang kembali, Palermo!

Selamat datang kembali, Palermo!

A quattro anni dalla cessione a Kuala Lumpur, torna il torneo WTA di Palermo. La ripresa economica e un'inadempienza contrattuale dei malesi ha permesso di riprenderselo a partire dal 2019. In questi anni, il Country Time Club si è rifatto il trucco. Non chiederanno contributi pubblici, ma mettono in guardia: “Se andremo di nuovo in passivo, cederemo definitivamente la licenza”.

Il Lazio lancia la rivoluzione dei Weekend

Il Lazio lancia la rivoluzione dei Weekend

Bella iniziativa del Comitato Regionale Lazio della FIT: arriva un circuito di eventi giovanili (dagli Under 9 agli Under 15) concentrati in cinque weekend, con Masters finale al Foro Italico. Eventi che porteranno una serie di effetti benefici: finalmente si pensa al miglioramento complessivo e non al risultato immediato.

“Giorgi, le regole FIT sono (anche) affar tuo”

“Giorgi, le regole FIT sono (anche) affar tuo”

Sorprendente e cervellotica sentenza del Collegio di Garanzia CONI. Viene ripristinata la squalifica a Camila Giorgi (9 mesi e 30.000 euro di sanzione) basandosi su un principio di difficile comprensione: la differenza tra “rapporto di tesseramento” e “tessera”. Camila dovrebbe rispondere dei regolamenti FIT nonostante non fosse tesserata all'epoca del rifiuto alla Fed Cup.

"Errani positiva all'antidoping”

"Errani positiva all'antidoping”

Un test effettuato a inizio anno avrebbe individuato la presenza di anastrozolo, un farmaco ormonale, nell'organismo di Sara Errani. La sostanza è ritenuta vietata dal regolamento antidoping. La FIT avrebbe già appoggiato la Errani, disegnando la strategia difensiva. Nella storia ci sono stati 15 positività a questa sostanza, tutti finiti con una sanzione.