LE MAGIE DI GAEL MONFILS

LE MAGIE DI GAEL MONFILS

Gael Monfils e David Goffin hanno giocato uno dei match più spettacolari della stagione. In particolare, il francese (prossimo avversario di Andreas Seppi, ha mostrato alcuni recuperi straordinari. Un minuto di highlights da non perdere

NY e Nishikori. Caro Cilic, ti dice niente?

NY e Nishikori. Caro Cilic, ti dice niente?

Doveva essere l’ottavo di finale più aperto della giornata, invece il duello fra Marin Cilic e David Goffin si risolve in tre set, col successo del croato. È più lento a entrare nel match, ma appena ingrana ammazza la partita, approfittando di un Goffin in grandi difficoltà a causa del caldo. Ai quarti sarà sfida Cilic-Nishikori, riedizione dell'incredibile finale di 4 anni fa.

US Fognini mette il 3° turno nel mirino

US Fognini mette il 3° turno nel mirino

Vestito con un completo ispirato alla bandiera statunitense, Fabio Fognini supera il primo turno allo Us Open, tenendo a bada in quattro set il tennis esuberante della wild card Michael Mmoh, numero 120 ATP. Per il ligure qualche brivido nel finale, ma l'importante era raggiungere Millman al 2° round.

Un David belga in un tennis pieno di Golia

Un David belga in un tennis pieno di Golia

Il Masters 1000 di Cincinnati ha rilanciato il talento di David Goffin, uno dei più piccoli top-10 degli ultimi anni. Un paio di sfortunati incidenti non gli hanno impedito di diventare un top-player. Stanotte sfida il suo idolo d'infanzia e prosegue nella costruzione di un giocatore che, nei prossimi 6-7 anni, sogna di essere competitivo per vincere uno Slam.

I 48 giorni da star di Marco Cecchinato

I 48 giorni da star di Marco Cecchinato

La mattina del 17 aprile Marco Cecchinato aveva vinto solo tre partite nel Tour. Una cinquantina di giorni più tardi, con un titolo ATP in bacheca, diventa il nono italiano dell'Era Open a centrare i quarti in uno Slam. A Parigi il 25enne siciliano stende in 4 set un acciaccato Goffin ed entra nella storia del nostro tennis.

David(e) batte Golia e vendica Pablo

David(e) batte Golia e vendica Pablo

In una situazione analoga a quella che tre anni fa costò la sconfitta a Pablo Cuevas, un monumentale David Goffin non si fa condizionare dal teatrino di Gael Monfils (e da un pubblico ai limiti del lecito). Annulla quattro matchpoint e si impone alla distanza in un clima più che ostico.

Il peso piuma che vuole farsi largo tra i giganti

Il peso piuma che vuole farsi largo tra i giganti

Arriva il Roland Garros, lo Slam preferito di David Goffin. Nonostante una statura inferiore alla media, si è costruito uno spazio importante, sfruttando al massimo le sue qualità. E pensare che da piccolo aveva seri problemi di autostima... Coach Van Cleemput è ottimista.

L'aura di Zverev e il regalo a Totti

L'aura di Zverev e il regalo a Totti

A suon di risultati e grazie a un carisma già ben visibile, Sascha Zverev ha staccato il gruppo e si candida a più credibile inseguitore di Federer e Nadal. Contro Goffin gioca male, ma nel momento cruciale mette il turbo e il belga raccoglie due punti negli ultimi tre game. Un'impressionante dimostrazione di forza. Adesso sfida Cilic.

Cecchinato ci prova, ma Goffin ne ha di più

Cecchinato ci prova, ma Goffin ne ha di più

Marco Cecchinato si prende il lusso di mettere paura a David Goffin, strappandogli il primo set sul Pietrangeli grazie a un filotto di sei giochi di fila, dal 5-1 in favore del belga. Ma l'impresa sfuma in avvio di secondo: il numero 10 del mondo riduce gli errori e torna padrone del match. Tuttavia, la carriera del siciliano sembra svoltata sul serio.

Goffin, l'occhio... e un matrimonio in vista

Goffin, l'occhio... e un matrimonio in vista

Lo sfortunato incidente a Rotterdam, dove ha preso una pallata all'occhio sinistro, impedirà a David Goffin di giocare Indian Wells e, soprattutto, i quarti di Coppa Davis. “Dopo Miami devo tornare in Europa per effettuare un controllo”. Nel frattempo, la sua storica fidanzata rivela di sognare il matrimonio.

Goffin, unità di misura del grande tennis

Goffin, unità di misura del grande tennis

GOFFIN, UNITÀ DI MISURA DEL GRANDE TENNIS - È il giocatore più sottovalutato del circuito. Uno che impressiona chi capisce il gioco, non chi lo guarda distrattamente. Ha tempi di gioco, timing e strategie che pochi altri possono vantare, con le quali sopperisce ad un fisico non proprio da super atleta. Chi ama questo sport non può che tifarlo.

Fognini batte il caldo, Benneteau gli fa un regalo

Fognini batte il caldo, Benneteau gli fa un regalo

Per la seconda volta in carriera Fabio Fognini è al terzo turno all'Australian Open. Il numero uno azzurro cancella una brutta partenza, regola il russo Donskoy in quattro set e si porta a soli 200 punti dall'obiettivo top-20 dichiarato per il 2018. Ma non è tutto: Fabio ha una bella chance per conquistare la seconda settimana. Sembrava chiuso da Goffin, invece troverà Julien Benneteau.

ATP World Tour: le cinque grandi sorprese del 2017

ATP World Tour: le cinque grandi sorprese del 2017

Slam esclusi, ecco i principali “upset” della stagione appena terminata. Curiosamente, un paio sono avvenuti a Dubai. Pur protagonista di un paio di scivoloni, Roger Federer avrebbe messo la firma per vivere una stagione così. Ma l'exploit più bello l'ha infilato Denis Shapovalov a Montreal.

Goffin non delude mai: a Lilla è 2-2!

Goffin non delude mai: a Lilla è 2-2!

Sarà il singolare decisivo fra Steve Darcis e Lucas Pouille a decidere la Coppa Davis 2017. David Goffin non poteva sbagliare e non ha sbagliato, superando in tre set Jo-Wilfried Tsonga. Il belga rincorre nel primo set, lo vince al tie-break e poi tira fuori tutta la sua superiorità. Era il giocatore più atteso e non ha deluso.

Meraviglia Goffin: Belgio in vantaggio

Meraviglia Goffin: Belgio in vantaggio

Il peso della responsabilità fa bene a David Goffin: il numero uno belga sfodera un match strepitoso contro Lucas Pouille, contro il quale non aveva mai vinto, e in meno di due ore regala al Belgio il primo punto della finale di Coppa Davis. Differenza mostruosa in campo: uno fa tutto bene, l'altro tutto male. Pouille bocciato, fortuna che per l'eventuale singolare decisivo c'è anche Gasquet.

Pollicino Goffin, serve un altro miracolo

Pollicino Goffin, serve un altro miracolo

Toccherà a David Goffin aprire la finale di Lille, contro il suo amico Lucas Pouille. Ci ha perso tre volte su tre, ma stavolta non può sbagliare. È l'unico top-10 in gara: le speranze del Belgio di vincere l'Insalatiera passano quasi tutte da lui. Van Herck sceglie De Loore per il doppio, mentre Noah si prende un bel rischio: fuori Mahut, sarà Gasquet a far coppia con Herbert.

Un prodigio di tecnologia per la finale di Davis

Un prodigio di tecnologia per la finale di Davis

Alla scoperta dello Stadio Pierre Mauroy di Lille, talmente bello che i francesi lo hanno scelto anche se si trova a due passi dal Belgio. Principalmente utilizzato per calcio e rugby, può essere configurato per altre attività grazie a un sofisticato sistema che “solleva” il prato e permette di tutelare il manto erboso. Il campo per la finale è stato ultimato martedì mattina. Si giocherà sul Rebound Ace.

Il valore di Dimitrov, omaggi a Jana e Pancho

Il valore di Dimitrov, omaggi a Jana e Pancho

Oltre due ore di Podcast! Insieme a Jacopo Lo Monaco e Filippo Scala, analizziamo il valore del successo londinese di Grigor Dimitrov. Riflessioni su Fed Cup e Coppa Davis e grande spazio alle due scomparse di queste ore: Jana Novotna e Pancho Segura, campione un po' sottovalutato. Tanto spazio per le vostre domande.

Per adesso è un supplente. Diventerà un vero Maestro?

Per adesso è un supplente. Diventerà un vero Maestro?

Grigor Dimitrov vince, con pieno merito, una delle edizioni più povere delle ATP Finals. Nel suo percorso non ha affrontato veri “big” e ha dovuto lottare per tre set sia in semifinale che in finale contro Goffin. È un buon supplente, ma per diventare un Maestro dovrà raccogliere un gran titolo battendo i più forti. I tempi sono maturi?

Sì, Goffin. I miracoli a volte succedono.

Sì, Goffin. I miracoli a volte succedono.

David Goffin firma una delle più grandi imprese del 2017: nelle semifinali delle ATP Finals rimonta un set al suo idolo Roger Federer, la spunta con personalità e si regala una finale impensabile fino a qualche ora fa. Nei primi due incontri sembrava a pezzi, e solo ieri diceva di non sapere cosa fare per battere Federer.

Thiem è a pezzi, David Goffin ne approfitta

Thiem è a pezzi, David Goffin ne approfitta

L'austriaco aveva esaurito la benzina già un paio di mesi fa e a Londra ha giocato un girone avvilente. Le difficoltà altrui gli avevano dato la chance di arrivare in semifinale, ma è bastato un Goffin al minimo sindacale per estrometterlo in due set. Il belga dovrebbe essere la vittima sacrificale di Roger Federer.

Federer batte Cilic e fa l'en-plein

Federer batte Cilic e fa l'en-plein

Pur già sicuro del primo posto nel Gruppo Becker, Roger Federer conquista anche il terzo e ultimo match del round robin delle ATP Finals, emergendo alla distanza contro Marin Cilic. Lo svizzero non sta giocando il suo miglior tennis della stagione, ma la superficie amica lo aiuta, come il livello e le condizioni non eccezionali degli avversari. Sabato la semifinale contro Goffin o Thiem.

Grigor è nei 4: annientato un menomato Goffin

Grigor è nei 4: annientato un menomato Goffin

Bastano 73 minuti a Grigor Dimitrov per raggiungere Roger Federer nell'elenco dei semifinalisti delle Nitto ATP Finals. David Goffin, frenato da evidenti problemi al ginocchio sinistro, riesce a farsi vedere negli specchietti retrovisori del bulgaro solo nel finale di partita, ma il 6-0 6-2 è fin troppo chiaro. Goffin-Thiem decisiva in chiave semifinale.

Francia e Belgio: squadra che vince non si cambia

Francia e Belgio: squadra che vince non si cambia

Nessuna sorpresa nelle liste dei convocati di Yannick Noah e Johan Van Herck per la finale di Coppa Davis di Lilla. Confermati i quartetti delle semifinali: in casa Francia ci saranno Tsonga, Pouille e la coppia Herbert/Mahut; per il Belgio in campo Goffin, Darcis, Bemelmans e De Greef. Aggregati al team dei "galletti" anche Gasquet e Benneteau, ma sarà difficile vederli sul cemento dello Stade Pierre Mauroy.

Nadal perde e si ritira, ma la sua è una lezione

Nadal perde e si ritira, ma la sua è una lezione

Il meraviglioso 2017 di Nadal volge al termine in anticipo: il ginocchio fa troppo male, il maiorchino cede in tre set a David Goffin all'esordio alle ATP Finals e annuncia il ritiro dal torneo. Ha detto di aver deciso nel corso del match, eppure ha mostrato un'altra volta cosa significhi dare tutto sul campo da tennis. Un esempio per colleghi, appassionati e sportivi in generale. Al suo posto entra Pablo Carreno Busta.