A Singapore si parte a fari spenti, però...

Senza Simona Halep e Serena Williams, sarà un Masters femminile un po' zoppo. Tuttavia, l'equilibrio potrebbe garantire un bello spettacolo. Difficile azzardare pronostici, anche se i precedenti favoriscono Kvitova e Stephens. Occhio a Naomi Osaka. Che Kerber sarà dopo la separazione con Fissette?
A Singapore si parte a fari spenti, però...
0
Riccardo Bisti
20 ottobre 2018

Non c'era nessun interesse, o quasi, per i sorteggi dei gironi delle WTA Finals. I motivi sono due: è difficile, quasi impossibile, individuare una favorita. Per questo, qualsiasi fosse stato l'esito dell'urna, non avremmo potuto parlare di girone di “ferro” e girone di “latta”, come era abitudine qualche anno fa. La seconda ragione riguarda l'assenza della giocatrice più forte, Serena Williams (che ha giocato troppo poco per riuscire a qualificarsi) e della più brava del 2018, Simona Halep (costretta al forfait per un problema alla schiena). E allora, chiunque vincerà l'ultima edizione del Masters di Singapore (l'anno prossimo, le ragazze si sposteranno per dieci anni a Shenzhen), potrà essere chiamata “supplente”. Brava, meritevole, ma pur sempre supplente. La cerimonia ha dato i seguenti verdetti, con i nomi dei gironi a ricordare i colori della bandiera di Singapore.

GRUPPO ROSSO
Angelique Kerber (1), Naomi Osaka (3), Sloane Stephens (5), Kiki Bertens (8)
GRUPPO BIANCO
Caroline Wozniacki (2), Petra Kvitova (4), Elina Svitolina (6), Karolina Pliskova (7)

I PRECEDENTI "AMICI" DI KVITOVA E STEPHENS
Difficile individuare una favorita. Nemmeno le statistiche ci vengono in soccorso: quella che ha vinto più partite nel 2018, Karolina Pliskova, si è garantita la qualificazione pochi giorni fa. Più in generale, le otto giocatrici hanno numeri piuttosto simili, salvo qualche dettaglio. Per esempio, Sloane Stephens è stata la meno brava nel circuito (“appena” 33 vittorie), ma ha raccolto vittorie laddove contava (finale a Parigi, quarti a New York e la preziosa vittoria a Miami). Se invece diamo un'occhiata agli scontri diretti contro le top-10, quelle messe meglio sono Caroline Wozniaki (2-0) e Petra Kvitova (7-1). Proprio il bilancio della ceca contro le migliori, unito all'esperienza e al fatto che ha già vinto questo torneo, la rendono una possibile mina vagante. Dando un'occhiata ai precedenti, sono Kvitova e Stephens quelle con i dati statistici migliori. La ceca ha vinto 18 partite su 24 contro Wozniacki, Svitolina e Pliskova (non ha mai perso contro la connazionale, mentre vanta un notevole 7-1 contro la Svitolina). Da parte sua, l'americana ha raccolto un bilancio di 6 vittorie e 1 sconfitta contro le sue avversarie nel girone: ha battuto Osaka e Bertens, mentre è avanti 4-1 contro la Kerber. Ma non si può dimenticare Naomi Osaka, favorita numero 1 secondo i bookmakers. La giapponese era poco più che nell'anonimato prima dello Us Open, ma poi è cambiato tutto. Per lei, tra l'altro, non sarà la prima volta a Singapore: tre anni fa, giocò un torneo di contorno al Masters, denominato “WTA Rising Star Invitationals”. Finì col vincerlo, battendo in finale Caroline Garcia.

A Singapore si parte a fari spenti, però...

KERBER SENZA COACH
Le dichiarazioni delle giocatrici – in tenuta da sera, come da prassi – sono state all'insegna degli sbadigli, senza che si toccasse l'unico argomento degno di interesse: i motivi che hanno portato alla separazione tra Angelique Kerber e Wim Fissette. Fonti anonime, raccolte dalla rivista tedesca Tennis Magazin, ritengono che la Kerber non abbia gradito l'atteggiamento del coach belga, il quale avrebbe iniziato a trattare con altre giocatrici dopo che non era ancora stato raggiunto un accordo in vista del 2019. Il contratto Kerber-Fissette era valido per tutto il 2018: in virtù dei risultati, e in ottica di un rinnovo, Fissette avrebbe voluto più poteri e un aumento del salario. Non avendo ottenuto riscontri immediati, avrebbe iniziato a guardarsi intorno. Risultato? Bye Bye Fissette, anche se mancavano pochi giorni al torneo. Il kick off è previsto domenica (alle 11 italiane) con i primi match del Gruppo Bianco, Kvitova- Svitolina e Wozniacki-Pliskova (quest'ultimo non prima delle 13.30). Lunedì, a partire dalle 13.30, Osaka-Stephens e Kerber-Bertens. Nella seconda giornata di ciascun girone, come da prassi, si affronteranno le vincenti e le perdenti dei primi match, in modo da garantire incertezza nella giornata finale. Si parte a fari spenti: proprio per questo, potrebbe anche essere un bel Masters.

I PRONOSTICI DEI BOOKMAKERS
Naomi Osaka 10/3
Caroline Wozniacki 5/1
Petra Kvitova 5/1
Angelique Kerber 11/2
Karolina Pliskova 13/2
Sloane Stephens 8/1
Elina Svitolina 8/1

A Singapore si parte a fari spenti, però...

Sposta